comunicato stampa AIPC

18/feb/2011 10.35.02 AIPC Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Sala GONZAGA Roma, 23 febbraio 2011
Comando Generale di Polizia
Municipale di Roma ore 15.00/18.00
Via della Consolazione, 4 Ingresso
libero
COMUNE di ROMA Associazione Italiana di Psicologia
Commissione
Consiliare Speciale e Criminologia
Politiche per la Sicurezza Urbana
COMUNICATO STAMPA
LA SICUREZZA NELLE FAMIGLIE E COPPIE IN CRISI:
Seminario di presentazione delle
attività dell’OSSERVATORIO SICUREZZA e
relativi dati della ricerca sulle famiglie e
coppie nella città di Roma
L’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia e la Commissione
Consiliare Speciale
Politiche per la Sicurezza Urbana del Comune di
Roma, con la collaborazione del Sindacato di
Polizia COISP, presentano
l’Osservatorio Sicurezza, primo osservatorio dedicato alla
prevenzione
di eventi criminosi nelle famiglie e nelle coppie.
Tale progetto nasce
dall’intento di accompagnare i singoli, le coppie e le famiglie nel
difficile
percorso della separazione, cercando di far emergere,
analizzare ed elaborare conflitti e disagi
prima che possano
trasformarsi in crimini mettendo in campo un’esperienza decennale
specifica su tali dinamiche, un gruppo multidisciplinare e strumenti
standardizzati. La cronaca
quasi quotidianamente racconta casi di
violenza, omicidi e suicidi che vedono come “scena del
crimine” la
famiglia e la coppia e frequentemente come “movente” la separazione.
“Studio sulla sicurezza nelle famiglie e nelle coppie” (©AIPC, 2011), è
la ricerca
condotta nella città di Roma su un campione composto per il
45% da uomini ed il 55% da
donne, con età media di 42 anni e per il 55%
laureati. Le proiezioni di tale ricerca esplorativa,
finalizzata all’
emersione della reale situazione della famiglia e delle coppie nella
città di Roma,
hanno prodotto una fotografia molto interessante: dai
risultati emerge che la violenza agita dai
soggetti risulta essere
maggiormente (70%) quella di tipo psicologico, con una frequenza
media
di almeno un atto a settimana. I soggetti che agiscono le violenze sono
nel 70% uomini
e nel 30% donne. Ma il dato più allarmante è quello
secondo il quale il 100% dei soggetti
dichiara di non aver denunciato
le violenze.
Siamo pertanto in presenza di un fenomeno sommerso, del
quale non è facile tracciare i
contorni. Le attività di prevenzione e
formazione ed i percorsi individuali, di coppia e famigliari,
offerte
dall’Osservatorio Sicurezza sono rivolte ad uomini, donne ed
adolescenti riservando uno
spazio particolare alle persone che
esprimono maggiore resistenza alla separazione,
proponendo percorsi di
consapevolezza ed elaborazione finalizzati ad esprimere in un contesto
protetto eventuali agiti pericolosi, auto o etero diretti. Una
conoscenza approfondita del
fenomeno nel suo insieme, tuttavia, è
essenziale per lo sviluppo delle politiche e dei servizi
necessari a
contenerlo e possibilmente prevenirlo, a partire dalle campagne di
sensibilizzazione
fino ad arrivare a contromisure legislative
finalizzate appunto a prevenire e/o contenere la
violenza. Per tali
ragioni acquisisce notevole importanza il progetto promosso dall’
Associazione
Italiana di Psicologia e Criminologia, in quanto mira a
perseguire l’obiettivo di fornire alcune
evidenze specifiche sulle
dinamiche psicologiche e sociali che si sviluppano all’interno di
determinati contesti famigliari, in un’ottica di prevenzione di eventi
criminosi e di sostegno e
supporto alle famiglie
Contatti Osservatorio
Sicurezza: 349.4410504 Eleonora Andrulli, Ufficio stampa
0644246573
Segreteria
www.stalking.it - www.criminalmente.it - www.
osservatoriosicurezza.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl