RAI-MEDIASET: DUOPOLIO INSOPPORTABILE

Il duopolio Rai-Mediaset raggiunge dimensioni di potere insopportabili per una democrazia.

10/set/2005 23.12.16 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
RAI-MEDIASET: DUOPOLIO INSOPPORTABILE

Il duopolio Rai-Mediaset raggiunge dimensioni di potere insopportabili per una democrazia. L'azione di condizionamento svolta da questi due soggetti è certamente da ridimensionare e ridistribuire ad altri attori del mercato, in quanto le loro televisioni hanno la capacità di avallare e rinforzare, presso la quasi totalità dei cittadini-spettatori, una visione del mondo distorta e spesso rispondente ad interessi particolari ( per esempio con l'ausilio di talune interviste a normali cittadini manipolate in modo da trasmettere l'idea del consenso popolare intorno ad un dato argomento).
Attraverso false statistiche o accomodanti sondaggi d'opinione, riescono a far credere al telespettatore che ciò che è brutto è solo un'opinione personale e minoritaria, in quanto il grande pubblico apprezza e plaude ( per esempio la crisi economica è stata suddivisa e classificata in "reale" e "percepita"e ci viene presentata televisivamente come se fosse un falso il fatto che negli ultimi anni milioni di famiglie italiane si sono impoverite). La forza espressa da questo duopolio diviene poi connivenza con vari potentati, favorendo intrecci affaristici, collusioni politiche e comportamenti devianti rispetto al processo democratico. Per mantenere ed accrescere tale forza non ci sono scrupoli: ogni evento tragico o drammatico viene trasformato in spettacolo dove dolore, angoscia e sofferenza servono ad incrementare un'audience portatrice di molti benefici.E se ce ne fosse bisogno, possono mettere in campo anche l'arma dell'accusa-spettacolo, con la quale spesso si distrugge l'immagine di una persona senza dare all'accusato possibilità alcuna di difesa ( quando l'accusa non è abilmente organizzata al fine di prevalere su campi o eventi vari). Questi mezzi televisivi, ricordiamo inoltre, divengono anche strumenti delicati di disinformazione nel momento in cui una corretta informazione può mettere in crisi un'alleanza, un accordo, un programma, che li riguarda. E le menzogne comunicate dalla televisione sono nefaste per tutti. in quanto allo spettatore viene trasmessa la sensazione che ciò che vede è vero ( la manipolazione del messaggio attraverso il rinforzo dell'immagine è tanto efficace quanto pericolosa per la collettività).
Senza tralasciare il fatto che la guerra commerciale in atto tra i due membri del duopolio impoverisce l'informazione e la formazione del cittadino, disattivando la sua capacità di astrazione e quindi, con essa, la capacità di capire i veri problemi della vita e di affrontarli in modo razionale.

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea








blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl