MEGLIO IL CARCERE

Tutto questo permette, e molto altro, l'imperante schermo televisivo, soprattutto facente capo al duopolio, cancro della democrazia, Rai e Mediaset.

27/set/2005 00.52.41 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MEGLIO IL CARCERE

Mostrarsi, per acquisire notorietà attraverso cui soddisfare alcuni innati bisogni narcisistici. Mettersi in evidenza aattraverso flessioni corporee mirate, comportamenti di equivoca valenza, sottili mascheramenti da manuale. Apparire. Tutto questo permette, e molto altro, l'imperante schermo televisivo, soprattutto facente capo al duopolio, cancro della democrazia, Rai e Mediaset. Cancro invisibile, ma devastante: ciò cui stiamo assistendo in queste ore riguardo il servizio televisivo di " Striscia la notizia" imperniato sulla figura di un conduttore della Rai colto ad approfittare del proprio mediatico ruolo per circuire speranzose donzelle ed accaparrarsele come prede sessuali, non è per noi, che viviamo da decenni dentro il mondo deegli artisti,una novità. La televisione propone un successo tanto facile quanto illusorio. Non vogliamo qui ripetere cose sapute e risapute da tutti e che riguardano storie di droga, di violenza, di ricatti che si ripetono in continuazione nell'ambiente televisivo e cinematografico. Vogliamo solo rimarcare il fatto che quanto più potere è affidato alle società televisive, tante più possibilità di degenerazione esse producono. Il potere di ricatto degli operatori televisivi è strettamente proporzionale al potere di mercato della televisione presso cui operano. Ecco perchè non bisogna dare a nessuno degli attori del mercato televisivo una quota superiore al 10% !
Sappiamo anche bene che molti eventi cui assistiamo hanno origine da un sistema sociale profondamente ingiusto. Così come bene sappiamo che il futuro del nostro Paese è affidato a tutti quei giovani che ancora conservano l'entusiasmo per scendere nelle stradè e nelle piazze per far sentire le loro vibranti proteste. Spesso superando i limiti della legalità imposta da un sistema marcio e qualche volta pagando anche con l'esperienza del carcere l'esuberanza giovanile e l'onestà nei rapporti con i loro ideali sociali: Ma mai aspirando a fare le veline, i leccaculo ed i ruffiani.MEGLIO IL CARCERE!!!

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl