ANGELO BONELLI TRASFORMA IL SUO PARTITO IN BARZELLETTA

05/apr/2011 09.35.02 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ANGELO BONELLI TRASFORMA IL SUO PARTITO IN BARZELLETTA

Per poter procedere all'attacco del Rifugio Parrelli attraverso
un'interrogazione a risposta scritta al presidente del consiglio regionale del
Lazio, Angelo Bonelli, oltre alla complicità del suo compagno di partito Walter
Caporale, aveva bisogno di qualche pezza d'appoggio che giustificasse il suo
intervento e che divenisse motore di una favorevole campagna mass-mediatica
attraverso cui risollevare le sorti del suo ormai moribondo partito.
Probabilmente era informato del fatto che nei mesi scorsi era avvenuta
all'interno del Rifugio Parrelli una lite tra la signora Giuseppina ed alcuni
volontari che volevano gestire il canile a testa loro, che aveva portato questi
ultimi a minacciare un'immediata vendetta, concretizzatasi con l'arrivo sulla
scena romana dell'associazione Aidaa che opera in provincia di Milano. Lorenzo
Croce, che dell'Aidaa è presidente, aveva in quell'occasione lanciato alcuni
febbrili comunicati stampa contro il Rifugio Parrelli, organizzando addirittura
un presidio al Rifugio, invitando a venire gente da tutt' Italia ( fu un flop
clamoroso con la presenza di una cinquantina scarsa di persone ). I comunicati
dell'Aidaa contro il Parrelli però erano ormai entrati nel colorito bagaglio
d'iniziative di Lorenzo Croce, fornendo al genio di Angelo Bonelli il giusto
appiglio per colpire la quasi novantenne Giuseppina Parrelli. Senza curarsi del
fatto che quell'appiglio proveniva da un individuo che nel tempo è divenuto
quasi il " Pierino " degli animalisti seri per le sue " effervescenti "
iniziative ( recentemente ha addirittura richiesto l'intervento dell'esercito
per combattere il randagismo nostrano ). A chi ci legge, per comprendere meglio
la situazione, elenchiamo alcuni dei tanti comunicati diramati da Lorenzo Croce
a nome dell'associazione Aidaa: " cinquanta gatti spariti dall`ospedale
Niguarda dopo essere stati caricati su un furgone e portati in Germania per
finire vivisezionati, 60.000 gatti neri uccisi tutti gli anni in Italia per i
riti satanici (ossia 164 al giorno, ) 3000 colonie feline a rischio di
estinzione a Milano, 70 gatti spariti di colpo alla Malpensa, 9500 rapimenti di
cani in Italia, 900 segnalazioni di accattonaggio a Milano (396 i cani
impiegati, finiti secondo AIDAA anche nel giro della cucina etnica), con un
giro di affari di 600 milioni di euro (1161 miliardi di lire ), 3000 le galline
sgozzate a Milano per i riti satanici, 160 i cani rapiti a Milano sotto gli
occhi dei proprietari (sempre per finire ovviamente vivisezionati), 250.000
pesci rossi regalati nelle fiere in Lombardia in un anno (684 al giorno, ndr),
25 gatti gettati da una finestra (tutti assieme?) a Porto Empedocle ". Ma ciò
che aveva allettato Angelo Bonelli erano i comunicati contro il Rifugio
Parrelli, perchè avevano i contenuti giusti che gli permettevano di realizzare
il suo diabolico disegno contro Giuseppina Parrelli. Il partito dei Verdi ha la
strada aperta per divenire una spassosa barzelletta.

www.legaantivivisezionistaitaliana.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl