Re:ARRESTO DI UN POETA

Re:ARRESTO DI UN POETA

14/ott/2005 14.03.21 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


ARRESTO DI UN POETA




Dichiarazione dell’on. Maria Celeste Nardini (PRC) sull’arresto del poeta
Lawrence Ferlinghetti.



“Quello che è successo ieri a Brescia a Lawrence Ferlinghetti, considerato
dalla critica letteraria mondiale il personaggio chiave della beat
generation, è un fatto di una gravità inaudita. Il poeta è stato arrestato
da due agenti della Polizia di Stato e condotto in Questura perché
considerato un immigrato irregolare. La “colpa” di Ferlinghetti sarebbe
stata quella di non aver dato comunicazione ufficiale alle Autorità preposte
della sua presenza in Italia. Purtroppo, la legge che ha consentito un atto
così scellerato e violento è la legge Bossi-Fini: una legge che non
garantisce i diritti inviolabili delle persone. Tant’è vero che si può
privare un qualsiasi cittadino della libertà personale, che è inviolabile,
ponendo sullo stesso piano di gerarchia delle fonti la Carta Costituzionale
e una mancata comunicazione amministrativa.

Il Governo dovrebbe chiedere pubblicamente scusa a Lawrence Ferlinghetti e
riflettere sugli effetti disumani della legge Bossi-Fini che è riuscita a
rendere i diritti inviolabili delle persone un sorta di mercato di diritti
burocratici.”


Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea






blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl