E. Coli: simulazione d'allerta in Italia

03/giu/2011 16.06.52 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line


 

Vet-Job - annunci on-line


Pronti a respingere prodotti alimentari a rischio. In Italia il “batterio killer” non c’è.

ESCHERICHIA COLI, ANMVI ORGANIZZA SIMULAZIONE D’ALLERTA IN ITALIA

ANMVI organizza un training per 150 esperti in sicurezza alimentare.

Coinvolti esponenti di EFSA, Ministero della Salute, Nas e imprese alimentari

 

(Cremona, 3 giugno 2011) - Non ci sono tracce in Italia del cosiddetto “batterio killer” Escherichia Coli, ma gli esperti del nostro Paese tengono alta la soglia della prevenzione e si esercitano in una simulazione di allerta alimentare e ritiro dei prodotti.

Da lunedì 6 giugno, per tre giorni, l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI) riunirà a Cremona 150 esperti per simulare un’azione di blocco dei mercati alimentari. Al training organizzato da ANMVI sul RASFF (Sistema Rapido di Allerta) parteciperanno esponenti dell’Authority di Parma (EFSA), oltre che funzionari del Ministero della Salute e delle maggiori imprese del nostro Paese della galassia di Federalimentare. Il caso di contaminazione alimentare oggetto dell’esercitazione organizzata a Cremona verrà comunicato in collegamento streaming da Roma, simulando un vero e proprio allerta con conseguente attivazione di tutte le azioni che portano al ritiro del prodotto alimentare.

Un training, quello che inizia lunedì nella sede ANMVI di Cremona, programmato da tempo, ma che impegnerà gli oltre 150 esperti in una esercitazione di estrema attualità, dopo che da 10 giorni, in Europa ma anche in America, imperversa l’epidemia di E. Coli partita dalla Germania. 

L’epidemia di questi giorni sta dimostrando l’importanza di bloccare sul nascere una contaminazione: più presto si risale alla fonte, più presto si blocca la catena del contagio. Le epidemie ci sono sempre state �“ dice Giancarlo Belluzzi, Vice Presidente ANMVI e responsabile organizzativo della simulazione -  e la globalizzazione dei mercati e gli spostamenti delle persone ne amplificheranno sempre di più gli effetti; bisogna quindi correre ai ripari e prevenire, come dimostra la cronaca di questi giorni.

Suddivisi in gruppi di lavoro, medici e veterinari di sanità pubblica, NAS e responsabili aziendali lavoreranno attorno ad una caso, simulando ciò che sta avvenendo in Germania, in tutto il nord Europa fino all’America.

L’ANMVI sta già lavorando al prossimo training, che allargherà ancora di più il proprio raggio d’azione, coinvolgendo funzionari della Commissione di Bruxelles e numerosi partecipanti che arriveranno da altri Paesi dell’Unione Europea.

Responsabile del training: Dott. Giancarlo Belluzzi, Vice Presidente ANMVI: 335.53.52.389

Ufficio Stampa ANMVI �“ 0372/40.35.47

 




Non rispondere a questa email. Se desideri che il tuo messaggio sia letto usa i contatti della redazione.
Per cancellarti o per segnalare il tuo nuovo indirizzo di posta elettronica scrivi a help-liste@anmvi.it

iBOX DEM

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl