cs - FTT, una tassa per combattere povertà e cambiamenti climatici

Allegati

06/giu/2011 15.31.14 Volontari nel mondo - Focsiv Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

FTT, una tassa per combattere povertà e cambiamenti climatici

Roma, 6 giugno 2011. Nei giorni dei negoziati ONU sui cambiamenti climatici (UNFCC) che si terranno a Bonn fino all'11 giugno prossimo, la FOCSIV presenta il documento dal titolo La Tassa sulle transazioni finanziarie (FTT) per le persone e il pianeta realizzato dalla FOCSIV nell'ambito delle attività con CIDSE, la rete internazionale di 17 agenzie di sviluppo cattoliche legate alle Conferenze Episcopali di Europa e Nord America di cui FOCSIV è il membro italiano. Una sintesi del lavoro parallelo, giustizia climatica e risorse per lo sviluppo, portato avanti da tempo dalla Federazione sia in ambito nazionale che internazionale.

Il documento spiega come la FTT potrebbe contribuire a risolvere il problema dei cambiamenti climatici senza intaccare in alcun modo il portafoglio dei cittadini contribuenti. "Nonostante il termine tecnico un pò da esattori, questa tassa è diversa da tutte le altre e potrebbe addirittura aiutare a risolvere alcune delle sfide globali attuali - dice Sergio Marelli, Segretario Generale della FOCSIV - non solo indicando la via d'uscita dalla crisi economica, ma anche indicando come affrontare un problema che il nostro modello economico ad alto impatto ambientale ha contribuito a creare: i cambiamenti climatici". Si calcola, infatti, che la FTT se introdotta ad un tasso dello 0,05% potrebbe raccogliere oltre 660 miliardi di dollari all'anno e potrebbe contribuire a stabilizzare i mercati finanziari e a ridurre la speculazione. Il tutto senza alcun costo aggiuntivo per i contribuenti, interessando soprattutto gli scambi a breve termine che non hanno alcun valore aggiunto per l'economia reale. Studi condotti nel 2010 dal Fondo monetario internazionale e dalla Commissione europea dimostrano con chiarezza l'affidabilità della FTT. Tuttavia molti politici e industriali la ritengono ancora non fattibile.

Per sostenere la portata delle ricadute positive che questa tassa potrebbe avere, la FOCSIV - da sempre impegnata in azioni volte alla ricerca e allo studio di fonti alternative di finanziamento come le campagne Tobin Hood: una tassa per lo sviluppo, Zerozerocinque e Crea un clima di giustizia - con questo documento ribadisce che sono i più poveri a soffrire maggiormente, ma i cambiamenti climatici riguardano tutti. "Quando le scorte di cibo e i mezzi di sussistenza sono minacciati da inondazioni e siccità, le famiglie più povere, incluse quelle con bambini e guidate da donne, non hanno ammortizzatori. È questo il prezzo che accettiamo di pagare per mantenere i privilegi dei pochi che beneficiano delle speculazioni?" chiede Marelli.

 

Ufficio Stampa FOCSIV

Tel. 066877796, 066877867- Fax 06 6872373;

Cell. 338.3032216

E-mail: ufficiostampa@focsiv.it

  

 

logo

 

 

FOCSIV - Federazione Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario
Via S. Francesco di Sales, 18 00165 Roma

Tel. +39 06 6877 796/867 - Fax +39 06 6872 373

 www.focsiv.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl