Crocifisso: conferenza stampa UAAR sulla sentenza di Strasburgo

23/giu/2011 10.34.54 UAAR - Unione Atei e Agnostici Razionalisti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa del 16 marzo 2011

Venerdì 18 marzo, alle ore 15, la Corte europea dei diritti dell’uomo diffonderà la sentenza definitiva sulla presenza del crocifisso nelle aule scolastiche italiane. In tale occasione, l’UAAR organizza una conferenza stampa, che avrà luogo alle ore 17, presso i locali comunali di via Armando Diaz 86 ad Abano Terme (PD). Saranno presenti Massimo Albertin, in rappresentanza della famiglia che ha avviato l’azione giuridica, e Raffaele Carcano, segretario nazionale dell’UAAR, che l’ha promossa e sostenuta.
La vicenda è già stata affrontata dal TAR del Veneto (due volte), dalla Corte Costituzionale e dal Consiglio di Stato, per essere poi portata davanti alla Corte di Strasburgo. Il 3 novembre 2009 la Corte europea diede ragione alla ricorrente, Soile Lautsi, stabilendo che la presenza dei crocifissi nelle aule scolastiche vìola la libertà religiosa di chi non è cattolico. Contro questa sentenza ha fatto ricorso il governo italiano, e venerdì prossimo la Grande Camera della Corte di Strasburgo si pronuncerà in via definitiva sul caso.

Un appuntamento dunque importantissimo, che a soli quattro giorni dalla sentenza della Cassazione sul caso del giudice Luigi Tosti riproporrà inevitabilmente all’attenzione dell’opinione pubblica la controversa presenza di simboli religiosi di parte in spazi che sono di tutti. Secondo Raffaele Carcano, la sentenza costituisce non solo «un fondamentale test di laicità per le istituzioni europee», ma anche e soprattutto per quelle italiane: «a maggior ragione in un momento in cui le celebrazioni per l’Unità d’Italia si stanno caratterizzando come un’occasione per ribadire il carattere confessionale dello Stato italiano».

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl