SI CONCEDA A TUTTE LE CONFESSIONI RELIGIOSE DI AVER SPAZI IDONEI PER L’ESERCIZIO DEL PROPRIO CULTO

04/ago/2011 08.55.02 associazione euromediterranea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In questi giorni si è finalmente concretizzata la possibilità per la comunità sikh di aprire in territorio cremonese un luogo di culto, questo fatto non può che essere salutato con gioia in quanto permette a questa importante e comunità l’esercizio libero del proprio culto e la possibilità di condividere con il territorio il grande portato spirituale di questa confessione. Inoltre è un gesto di civiltà in quanto è bene ricordarlo i sikh, oggi ricordati per la loro presenza indispensabile nell’economia delle nostre aziende agricole contribuirono con il sangue di migliaia di soldati alla liberazione d’Italia, e quindi, è anche grazie a loro se esiste la nostra democrazia.

 

Tale fatto permette di affrontare un altro problema del territorio cremonese, quello della comunità ortodossa romena, infatti a Cremona vivono circa tremila immigrati romeni a Crema circa cinquecento , settemila in tutta la provincia,  proprio per venire in contro alle esigenze di questa comunità cosi numerosa si potrebbe seriamente riflettere di iniziare a porre la questione della realizzazione di una Chiesa per questa importante comunità . L’esempio e il modello da seguire sarebbe quello dell’ l’amministrazione di centro destra di Verona, guidata dal dottor Flavio Tosi, vale a dire l’alienazione a prezzo di mercato di un bene demaniale al Governo Romeno che poi è stata messa a disposizione della Diocesi Romeno Ortodossa in Italia per l’edificazione di un centro culturale, di una chiesa e di una scuola aperta a tutti e che serva per facilitare le relazioni sociali e positivi scambi di esperienze e di tradizioni.

 

Il modello veronese potrebbe essere un apripista per la soluzione non solo di spazi per la comunità ortodossa romena, ma per premettere a tutte le confessioni religiose di esercitare in luoghi dedicati il proprio credo e dare piena attuazione all’art 8 della Costituzione che oltre a sancire che “ Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge” assicura il diritto alle stesse “ di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano”.

 

Dott Marco Baratto

Associazione Culturale Euromeditteranea

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl