FU BARATTO?

Man mano che l'iniziativa avanzerà verrà arricchito anche il sito web dedicato, in cui i ragazzi/e potranno trovare immagini a colori, ulteriori spiegazioni e curiosità, rivolgere domande direttamente ad astronomi.

28/nov/2005 09.07.49 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alla scoperta del Cielo!
www.scopriticielo.it

Buon successo dell’iniziativa INAF per le Scuole: oltre 900 classi iscritte in tutta Italia. 20.000 ragazzi e ragazze partono in questi giorni con l’Istituto per un viaggio di 6 mesi attraverso l’Astrofisica. Oltre 6.000 volumetti di 64 pagine verranno distribuiti alle classi iscritte. L’iniziativa, per ragazzi e ragazze dai 6 ai 14 anni, si svolge principalmente tramite la rete Internet ed è abbinata ad un concorso dedicato.

Nella Scuola c’è interesse e disponibilità per iniziative nuove e qualificate, “garantite” da un Ente di Ricerca che, come INAF, ha sempre avuto, tramite i suoi Osservatori ed Istituti, un occhio di riguardo per la divulgazione e la didattica. Potrebbe essere questa la lezione appresa dal notevole successo di iscrizioni, aperte dal 15 settembre al 15 ottobre scorso, all’iniziativa-concorso “Alla scoperta del Cielo!”, promossa dall’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Sono oltre 900 le classi iscritte in tutta Italia, con un coinvolgimento di almeno 20.000 ragazzi e ragazze dai 6 ai 14 anni e dei loro insegnanti. INAF distribuirà anche, per una cifra simbolica di 1,5 € ciascuno, oltre 6.000 libri di testo agli studenti per seguire l’iniziativa ed un volume, gratuito, ai loro insegnanti. Man mano che l’iniziativa avanzerà verrà arricchito anche il sito web dedicato, in cui i ragazzi/e potranno trovare immagini a colori, ulteriori spiegazioni e curiosità, rivolgere domande direttamente ad astronomi.

Le classi, ogni due settimane, riceveranno per posta elettronica consigli per osservare il Cielo, per altre esperienze da fare in classe o a casa, notizie sugli avvenimenti di cui parlano i media riguardanti l’Universo e l’esplorazione dello Spazio.

In più, potranno ascoltare ogni settimana, tramite un network di Radio locali, o su Internet, un breve notiziario di Astronomia e programmare visite agli Osservatori e Laboratori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. Un’iniziativa a tutto campo quindi, un modo nuovo e piacevole di imparare! Ma non ci sono solo i ragazzi/e nelle Scuole. Un canale di comunicazione privilegiato resterà sempre aperto con gli insegnanti per informazioni, scambio di opinioni, consigli ed esperienze. Ogni insegnante riceverà poi, gratuitamente, un volumetto con consigli per la didattica e commenti sulla impostazione del progetto e su come la materia può venire esposta ai ragazzi/e.

L’iniziativa è ideata, finanziata e realizzata dall’Istituto Nazionale di Astrofisica con la collaborazione del Laboratorio per la Didattica del Comune di Bologna, prevede anche il supporto di Tuttoscienze/LaStampa, il noto inserto di Scienze e Tecnologia del mercoledì del quotidiano torinese, e di varie radio italiane. I volumetti dell’iniziativa sono stampati dall’Editoriale Scienza, la casa editrice di Trieste specializzata in editoria scientifica per bambini e ragazzi.

“Alla scoperta del Cielo!” si rivolge principalmente agli alunni/e dai 6 ai 14 anni, proponendosi di rispondere, in modo organico, corretto ed accattivante, alle tante domande che spesso i ragazzi/e di questa età si pongono e rivolgono ai loro insegnanti e, allo stesso tempo, di supportare i docenti nella programmazione didattica, anche grazie all’esperienza “sul campo” acquisita dai docenti che affiancano gli astronomi nella progettazione e gestione di “Alla Scoperta del Cielo”.

L’iniziativa si svolge in tre “tappe”, durante le quali vengono affrontati i principali temi dell’Astrofisica: il Sistema solare, le Stelle, le Galassie e l’Universo.

Il sito Web realizzato per l’iniziativa (www.scopriticielo.it) proporrà man mano nei prossimi sei mesi approfondimenti, suggerimenti, giochi. Tramite il sito è poi possibile porre domande a un astronomo e mettersi eventualmente in contatto con altre classi che partecipano al progetto.

Durante l’iniziativa viene bandito, per le classi iscritte, un concorso sugli argomenti trattati nello svolgimento delle varie tappe. I migliori lavori, selezionati da una giuria di esperti di Astronomia, insegnanti e giornalisti, verranno premiati e pubblicati nel sito www.scopriticielo.it.

NOTA:
Tutto questo succede a Bologna, mentre migliaia di studenti ed insegnanti di Roma ci rivolgono domande diverse:" Che fine ha fatto il nostro Museo Astronomico e Copernicano?" " Perchè non possiamo affrontare anche noi i principali temi dell'Astrofisica: il Sistema solare, le Stelle, le Galassie e l'Universo?" "Perchè a Bologna sì, e a Roma no?" Forse perchè qualcuno ha barattato il trasferimento del Museo con l'assunzione della figlia?

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea






blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl