INAF: IL POTERE ALLO SCOPERTO

INAF: IL POTERE ALLO SCOPERTOSi chiama COPIT (comitato parlamentare per l'innovazione tecnologica) e si presenta come una normale associazione onlus.

07/dic/2005 14.37.55 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Si chiama COPIT ( comitato parlamentare per l'innovazione tecnologica ) e si presenta come una normale associazione onlus. E' una struttura con componenti trasversali, soprattutto bipartisan, che mantiene relazioni con quasi tutti gli enti di ricerca, statali e privati, e ne condiziona ( secondo noi )
le attività. Agisce dall'interno del Parlamento Italiano, sviluppando politiche quali quella della protezione dell'operazione " immorale" tesa a trasferire i reperti e cimeli, appartenenti al Museo Astronomico e Copernicano di Roma e frutto soprattutto della generosità del Popolo polacco che si oppone inutilmente al loro trasferimento. Presidente del COPIT è l'on. Mario Tassoni, sottosegretario di Stato ai trasporti e alle infrastrutture, uomo di fiducia sperimentata in lunghi anni di militanza comune, del CDU dell'on. Rocco Buttiglione. Lo stesso Buttiglione che, ci dicono, ha rassicurato l'Inaf sull'inefficacia del nostro intervento. Perchè per tali uomini politici la volontà dei cittadini conta assai poco. Non discutono, impongono. Come il regnante assoluto con i propri sudditi. Come la Mafia con i suoi amministrati. I vertici del MIUR ed altre strutture statali similari rispondono con ossequio a questa logica di potere perversa e , all'apparenza, ineluttabile. E' la vecchia logica di uno Stato lottizzato e clientelare a prevalere. Ci siamo imbattuti in questo sistema di potere per caso: un sistema che ha stroncato sul nascere l'iniziativa del ministro Letizia Moratti per la conservazione a Villa Mellini del Museo Astronomico e Copernicano. Troppo poco un ministro tecnico per impensierire un potere consolidato nei decenni e passato chissà come indenne dalle maglie di " Tangentopoli". Come troppo debole è la nostra forza per impedire l'ingiustizia in atto. Malgrado ciò, sappiamo di avere il dovere morale di RESISTERE, RESISTERE,RESISTERE. E RESISTEREMO.
Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl