comunicato stampa: Il Golem a Trashwar

comunicato stampa: Il Golem a Trashwar. GOLEM Gruppo Operativo Linux Empoli associazione di promozione sociale senza fini di lucro Via Magolo 34 localit Avane interno al mercato ortofrutticolo Empoli http://www.golem.linux.it Nei giorni scorsi si tenuta a Torino, organizzata da Officina Informatica Libera http://www.informaticalibera.info/ nel contesto delle attivit' promozionali del Linux Day Torino 2011, la conferenza "Trashwar!".

Persone Giulio Fieramosca, Marino Vegni
Luoghi Torino, Empoli
Organizzazioni Gruppo Operativo Linux Empoli associazione
Argomenti economia, commercio

18/ott/2011 23.37.46 Golem-Linux Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 GOLEM                                                                                         Gruppo Operativo Linux Empoli associazione di promozione sociale senza fini di lucro Via Magolo 34 localit Avane  interno al mercato ortofrutticolo Empoli http://www.golem.linux.it  

Nei giorni scorsi si tenuta a Torino , organizzata da Officina Informatica Libera
http://www.informaticalibera.info/

nel contesto delle attivit' promozionali del Linux Day Torino 2011, la conferenza "Trashwar!".
L'incontro con la la presenza di diverse realt' italiane operanti nel settore del recupero intelligente del materiale informatico servito per fare il punto di questa forma di utilizzo della tecnologia e dei computer per finalit sociali.
Il GOLEM ( Gruppo Operativo Linux EMpoli stata una delle prime realt mondiali di questo settore . Si dice che la parola Trashware ( il recupero dei computer dismessi tramite l'utilizzo del sistema operativo Linux e utilizzati per finalit sociali) sia stata coniata proprio ad Empoli dall'unione dei due termini Trash e Hardware.
In ogni caso da oltre dieci anni i volontari dell'associazione si danno da fare per recuperare i computer dismessi , che una volta formattati e dotati di software libero e gratuito vengono donati ad associazioni italiane e di varie parti del modo che ne fanno richiesta.

Marino Vegni e Giulio Fieramosca in rappresentanza del Golem hanno raccontato le loro esperienze in queste anni , che si sono dimostrate un valido esempio da seguire per le associazioni che sono nate successivamente.
Una occasione per incontrare i "colleghi" nazionali e per scambiarsi tecniche, strumenti e dritte per portare al meglio a termine la missione comune contro l'obsolescenza programmata dei prodotti tecnologici, lo sperpero di risorse, l'inquinamento ambientale e l'analfabetismo informatico arrivando a coinvolgere anche il pubblico spesso lontano dal mondo della tecnologia.
In ogni caso tutti hanno teso a sottolineare che queste attivit possono essere fatte solo perch molte persone sparse per il mondo,spesso in maniera gratuita e volontaria hanno creato un sistema operativo libero e gratuito che si chiama LINUX , e che UBUNTU e solo una delle tante distribuzioni, anche se oggi una delle pi conosciute.
Un'altra cosa importante sottolineare: per farne un uso proficuo i computer devono rispettare delle caratteristiche minime , altrimenti anzich fare un'opera di utilit sociale si caricano queste associazioni solo dei costi di smaltimento.

Caratteristiche minime per un riutilizzo proficuo delle attrezzature informatiche dismesse, che fondamentale aver letto prima di fare una qualunque donazione

http://golem.linux.it/wp/donazioni/

il video dell'intervento del Golem
http://www.youtube.com/watch?v=RWtBKcKJNys
le slide

http://www.informaticalibera.info/images/stories/PDF/golem_trashware_linuxday_torino_2010.pdf


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl