CONTRIBUTO: Riflessione contro la privatizzazione dell'acqua

28/dic/2005 14.51.40 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

CONTRIBUTO: Riflessione contro la privatizzazione dell'acqua

di
"Agnese Ginocchio"
(Movimento per la Pace Pax Christi ;Comitato Civico
difesa Acqua Na-Ce )

Scritto del 31 Marzo 2005

L'acqua è un bene
incommensurabile ed inalienabile come l'aria che si respira .L 'uomo
non può farne a meno in quanto la sua esistenza come quella di ogni
forma di vita sulla terra dipende esclusivamente da questa fonte che
nasce e sgorga liberamente da Madre Natura . Colui che oserà
appropriarsene farà un danno non solo all'intera umanità e all'ambiente
,ma soprattutto a se stesso,perchè cammina , pensa e agisce in maniera
contorta,andando contronatura. L'acqua è un bene che nasce libero ,chi
per interessi o per leggi dettate senza pensare alle ingenti
conseguenze che ne derivano a danno della natura stessa,violano il
sacrosanto diritto della Libertà. In questi ultimi mesi a partire
precisamente dal 23 novembre in seguito alla delibera sulla
privatizzazione del servizio idrico integrato approvata dall'ATO2 (
Napoli)che ha interessato l'intera provincia di Caserta,il comune di
Napoli e una parte della provincia di Napoli,un movimento di persone di
buona volontà (la maggior parte tutte già facenti parte di associazioni
e movimenti per la pace,la nonviolenza e per i diritti umani ,fra cui
la Rete Lilliput di NA )in seguito all'appello e allarme lanciato da
padre Alex Zanotelli missionario comboniano,vissuto per ben 40 anni in
Africa a contatto con i poveri delle baraccopoli di Nairobi ,si è mosso
nel territorio portando avanti una serie di iniziative si
sensibilizzazione ,ma soprattutto per cercare di protestare mediante
azioni dirette nonviolente contro questa scellerata scelta ,un ennesimo
atto d'ingiustizia a danno soprattutto della fascia più debole della
società: i poveri! Queste persone(fra cui: Consiglia Salvio ,Salvatore
Carnevale di Napoli;Mena Moretta referente di Caserta e prov.) partendo
da Napoli ,per poi estendersi fino la provincia di Caserta hanno
costituito dei veri e propri comitati civici per la difesa dell'acqua
(Napoli,Caserta e prov.),un bene fondamentale e sacro che va rispettato
,curato come la vita stessa.Ai comitati si sono aggiunti alcuni sindaci
che si sono opposti fermamente alla delibera della privatizzazione ,
perchè convinti del danno enorme che avrebbe provocato all'intera
popolazione .Di questi sindaci alcuni (fra cui il sindaco di LETINO-Ce)
hanno presentato ricorso al TAR .Si è riusciti a fare pressione e ad
avere una sospensione momentanea della delibera. Il nostro mondo è
costituito da tre quarti di acqua non potabile(acqua salata) ,
solamente il restante 2%(acqua potabile)può essere usato dall'uomo per
il proprio fabbisogno quotidiano. A causa degli enormi sprechi ,
purtroppo le risorse idriche si stanno esaurendo e se si procede di
questo passo fra non molti anni resteremo senz'acqua.Allora che fare?
Le nostre istituzioni e i politici hanno pensato bene l' alternativa
della privatizzazione della gestione idrica integrata.Attualmente la
gestione è affidata a una società mista(pubblica-privata).I comitati
nazionali ,regionali e provinciali ritengono che con la privatizzazione
non ci sarà alcun miglioramento,anzi applicando questa legge ci si
avvierà verso un vero e proprio processo o per meglio definire una
guerra globale e scontro d'inciviltà. Le prime conseguenze della
privatizzazione saranno:aumento vertigionoso delle bollette idriche.
Inoltre si prevede (in merito alle prove concrete di quanto affermato
da altri comuni italiani ,ove è stata già applicata ed è in corso la
legge della privatizzazione):abbassamento degli standard sanitari
rispetto a quelli attuali(Il privato,la multinazionale non può
garantire la buona qualità dell'acqua ,l'unico suo interesse è quello
di ricevere profitto economico) perdita secca di posti di lavoro,
riduzione della rete idrica rispetto a quella attuale, rischio d'
infiltrazioni interessi mafiosi.E ancora danni su danni a scapito della
società civile e della fascia più debole in continuo aumento(il cui il
reddito annuo è sempre più ridotto,rispetto all'aumento vertiginoso
delle tasse...) . Dal punto di vista morale e cristiano,ci si domanda:
di fronte a una bolletta troppo salata è giusto chiudere le tubature
dell'aqua nella casa di una famiglia che se la stenta ,sapendo che
l'acqua è un bene come l'aria ,di cui l'uomo non può farne a meno,senza
la quale la vita stessa e l'uomo cessano di esistere? Quale dunque
l'utilità,il vantaggio che ne deriva da questa legge ? Con la
privatizzazione i servizi di certo non miglioreranno,anzi peggioreranno.
Molti cittadini già da anni si lamentano;sono state chieste garanzie ,a
queste domande però di risposte non sono mai arrivate.Non c'è stata
buona volontà a discutere sul problema sottovalutato fin troppo,eppur
si tratta di un grave problema dal quale dipende la vita e la
sopravvivenza dell'uomo. L'unica risposta arrivata è la privatizzazione.
Ovviamente non è una scelta democratica.Anche da questo traspaiono
nettamente le intenzioni di istituzioni e di politici che sono più
interessati ai profitti economici e mafiosi che si nascondono dietro
queste leggi senza senso. Un altro problema riscontrato proprio in
questi giorni da come ho avuto modo di ascoltare ,circa le parole
scambiate con la gente ,mentre in qualità di membro appartenente alla
società civile e a nome dei comitati civici per la difesa acqua di
Caserta Na e prov., mi sono attivata per la raccolta di firme
(centinaia...)contro la privatizzazione della gestione del servizio
idrico integrato, in parole povere:contro la privatizzazione dell'acqua
persiste il problema dello spreco di acqua,per il quale non c'è mai
stata buona volontà ad affrontare l'argomento per trovare un
alternativa .Si può cercare di risolvere il problema?Si,certamente,
attraverso una forma di dialogo:nel sedersi a tavolino , discutere con
tanta buona volontà su quello che si può fare,su come intervenire e
prevenire ORA e non domani perchè forse il domani sarà troppo tardi.
Inoltre esiste già un comitato nazionale per la difesa dell'acqua(www.
contrattoacqua.it) , che si sta attivando sull'intero territorio
italiano,per sensibilizzare la gente attraverso una serie di norme e
comportamenti ,riportati sul Manifesto,per indurre la società civile a
seguire una linea di vita più sobria,evitando in questo modo gli
sprechi delle risorse naturali e degli alimenti. Non dimentichiamo che
nel mondo vi sono molti popoli che muoiono per fame e per sete.Invece
quì da noi per soddisfare a volte i nostri capricci alimentari si fa
uso improprio e scondiretato di alimenti e di bibite.Basti pensare che
dietro alla produzione di un hamburger e una bibita occorre consumare
ben 5320 litri d'acqua .Se l'uomo riacquisterà capacità di
discernimento,si riapproprierà dei diritti che gli spettano,attraverso
una linea di vita più sobria , solidale e uno stile di vita diverso, si
eviteranno sprechi.Basta poco per cambiare il mondo ,ma ci vuole tanta
buona volontà.In cambio si acquisterà più responsabilità di azioni e la
capacità di aver cura di ogni elemento della natura che ci circonda ,
come se stessi,in quanto tutti parte dello stesso creato.L'aria,l'acqua,
il verde,ogni elemento vitale ci appartengono di diritto,sono beni
liberi. Bisogna averne rispetto.Ci vengono donati gratuitamente e come
tali devono restare.La malvagità delle azioni ed interessi mafiosi
dell'uomo schiavo del sistema invece, fanno sì che questi Beni
inalienabili ci possano sfuggire dalle mani all'improvviso....Non
permettiamolo! Ritornandolo al discorso sul metodo di vita più sobria
da adottare evitando in questo modo gli sprechi di risorse idriche(e
tutto il resto), si consentirà l'uso dell'acqua indistintamente ,a
tutte quelle famiglie che attualmente sono costrette a causa della
scarsità e dell' insufficienza idrica nelle loro case ad acquistare
l'acqua in bottiglie, o a fare uso dell'acqua dei pozzi (lì dove ce ne
sono)specie nelle zone di campagna e nelle periferie di terra di lavoro
(Caserta). Con la privatizzazione non migliorerà nulla. Come membro
della società civile e a nome del comitato civico di Caserta e prov. ho
partecipato anche all'assemblea straordinaria del consiglio comunale
svoltasi a Piedimonte Matese nella mattina di Sabato santo,convocata
dai consiglieri di minoranza(meritevoli e determinanti per la decisione
di voto finale ,sono stati gli interventi degli assessori:Angelo
Landino,Fabrizio Pepe e Geppino Bonomo),che hanno chiesto al sindaco
Carlo Sarro di Piedimonte Matese(Ce) una spiegazione ,datosi che
proprio Sarro è il vicepresidente del consorzio regionale dell'ATO2
(Ambito territoriale ottimale) , su diversi punti in sospeso,anche
perchè la questione della privatizzazione non a tutti i consiglieri
era realmente stata chiarita.
L'egregio sindaco nonchè autorevole
avvocato Carlo Sarro,ha saputo ben difendersi nel rispondere in maniera
magistrale , respingendo così tutti gli attacchi dell'opposizione,
attraverso citazioni di leggi , codici ,atti e norme che aveva fra le
mani.Benissimo,parole ben dosate , leggi già approvate , norme
inventate e approvate dai cosidetti uomini potenti,coloro che
gestiscono e comandano questo sistema. Mentre pensavo a tutti questi
codici,leggi e compagnia bella ,mi venivano in mente i volti di tanta
gente ,quella che ho incontrato in questi giorni,con la quale ho
scambiato parole , raccolto firme ...la solita gente...quella che si
incontra per strada...che si sparte in quattro ogni giorno per portare
avanti una casa ,una famiglia,lavorando tanto e riposando poco e magari
alla fine si ammala per il troppo lavoro.Gente che non ha garanzie ,
stipendi e posti assicurati .Gente che sa ben poco di queste leggi ,
codici e norme dettate al tavolino,perchè non le è mai stato
riconosciuto alcun diritto,ne mai essere stata considerata .Gente
ignota il cui nome in comune è nessuno ! Le classi medie per via delle
ingenti tasse stanno scomparendo,ormai la stragrande maggioranza della
popolazione si sta riducendo in classe povera.Una fase molto pericolosa
della storia,un percorso a ritroso,un processo e un attentato all'uomo
e alla vita stessa.I ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più
poveri. Gente di strada...che sento molto vicina a me ...molto
vicina... -Ma quanto mai vogliamo questo?L'acqua non si può
privatizzare in quanto è un bene pubblico e comune a tutti- aveva
appena dichiarato Sarro-Voi Comitati e movimenti avete sbagliato a
capire.Noi stiamo parlando di privatizzazione della gestione idrica
integrata e non privatizzazione dell'acqua..!- Noi comitati rispondiamo:
In questa maniera volete giustificarvi e intanto continuate a
dichiararvi a favore di questa legge che apporterà altri danni a
scapito di tutta la società civile!Quale e dove sta la differenza ?Noi
lo dichiariamo direttamente e VOI INDIRETTAMENTE ...ma pur sempre di
privatizzazione si parla...non ci sono santi ne eccezioni...! (risposta
dei comitati)- Quì mi pare che stia accadendo la stessa cosa ,in
relazione a quanto dichiarano i pacifisti a proposito del governo
italiano che finanzia e appoggia la guerra,avendo inviato le truppe in
Iraq.Il governo si difende dagli attacchi dei pacifisti rispondendo che
se sono state mandate truppe in Iraq in missione di Pace ,non significa
che l'Italia sia stata coinvolta nella guerra! Ma che giochetti da
bambini, i soliti raggiri di parole. Perchè voi con queste leggi ,
codici e norme ,ogni volta che ne mettete in pratica una(in questo caso
quella a favore della privatizzazione)vi siete per caso o almeno
minimamente, posti il problema di come continuare ad assicurare il
servizio idrico alle fasce più deboli,nel caso di mancato pagamento
della bolletta per mancanza di risorse economiche? La società dei
ricchi che aumenta sempre più,può fare anche a meno delle fascie più
deboli ,quella categoria di persone che prima vengono usate e poi
gettate via senza alcun rispetto ne dignità umana.La classe dei ricchi
vive comodamente e senza far nulla ,percependo il compenso delle tasse
che paga tutto il restante popolo dei poveri. Siamo arrivati a questo
punto? Dove dunque il discorso di democrazia,di civiltà in questo tempo
ove circolano solamente leggi ambigue ,macchiate di potere ,menzogna e
di corruzione dall'Alto (e dall'ATO)? Dove il valore della Giustizia,
della Libertà della PACE? Permettere o approvare leggi come quella
della privatizzazione anche indirettamente (chiunque esso ne sia stato
l'artefice,politico di destra o di sinistra...è comunque reo di aver
inventato un ennesimo ordigno e scontro d'inciviltà),significa violare
i diritti sacrosanti della PACE,della Libertà ,poichè l'acqua è un bene,
come l'aria che nasce libero e va rispettato per quello che è .
Significa violentare la natura stessa:Attenzione perchè la natura si
ribellerà e si ritorcerà contro colui che l'ha violata. Significa
dichiarare GUERRA al mondo,un ennesimo flagello per l'umanità!Se ora in
questa difficilissima e pericolosissima fase storica che stiamo vivendo
a livello globale ,(l'uomo cammina in sospeso su di un filo,se perde
l'equilibrio crolla....)alla quale assistiamo impotenti e inorriditi
ogni giorno di fronte a scene di ingiustizia,guerre per povertà , per
fame(le prime guerre che seminano più vittime...) e guerre per il
petrolio,le prossime guerre che noi insieme alle generazioni future ci
troveremo di fronte saranno le guerre per l'acqua,poichè con la
privatizzazione in mano alle multinazionali(i quali hanno a cuore
solamente gli interessi , profitti economici e mafiosi )non a tutti
sarà consentito farne libero accesso ,ma solamente ai ricchi e ai
privilegiati di questo mondo di scellerati. Ditemi voi se questa è o
non è un ingiustizia! Ritornando al significato morale del discorso
iniziale, ribadisco ,nel nome della Pace,per la quale mi impegno ogni
giorno con la mia musica ,con le parole,le azioni ,i cammini e gli
incontri sulle strade della vita(il tutto unito alle non poche
difficoltà e rinunce)per la promozione di una cultura basata sui
diritti di Giustizia,di Dialogo e di Nonviolenza,elementi necessari e
fondamentali che consentono alla vita e al futuro di esistere,ribadisco
che: "L'acqua è un bene incommensurabile ed inalienabile .Non può
essere trattata come merce ,perchè è un bene che nasce libero e come
tale deve restare .L 'uomo non può farne a meno in quanto la sua
esistenza come quella di ogni forma di vita sulla terra dipende
esclusivamente da questa fonte che nasce e sgorga liberamente da Madre
Natura !" Nel nome della PACE ,che va oltre i codici e le leggi umane
dettate dai potenti di questo mondo,nel nome della PACE mi appello ai
sacrosanti valori della GIUSTIZIA ,agli unici codici che ci vengono
insegnati e dettati non da leggi senz'anima ,ma da LEGGI basate sul
messaggio dell'AMORE : 1)AMA IL PROSSIMO come Te STESSO 2)Non fare agli
altri ciò che non vuoi sia fatto a Te .Impariamo non dai troni della
terra ,ma dal basso delle strade a camminare e a sollevare lo sguardo
verso l'alto andando oltre la nostra precaria condizione umana.Si
respirerà Pace ,si acquisterà discernimento e chiarezza d'idee.Per
cambiare il mondo ci vogliono ALI(le vere leggi a favore delle fasce
più deboli)che si muovono in volo(la solidarietà) , in soccorso dei più
poveri( l'unità che segna la svolta e apre le vie alla pace). Mi auguro
di vero cuore che con le prossime elezioni,ci siano persone valide che
sappiano dare e portare una svolta decisiva e un messaggio
controcorrente,che abbiano il coraggio di Osare per la PACE,la
GIUSTIZIA e la legalità nel territorio ,col promuovere una cultura
nonviolenta di dialogo aperto e di spazi ove ognuno potrà avere diritto
ad esprimere la sua e a realizzare un proprio sogno .Vera politica non
è imporre ad ogni costo leggi ,norme e metodi come la PRIVATIZZAZIONE
del servizio idrico imtegrato e compagnia bella.Vera politica non è
percepire stipendi vertiginosi e promettere posti in cambio di voti.
Vera politica è Servizio, agire esattamente il contrario di come si è
agito finora! Politica giusta è agire in conformità d'azioni e unioni
d'intenti a seconda delle esigenze del popolo,adottando un metodo
d'azione Nonviolenta partendo dal basso e camminando coi passi dei più
poveri.La vera politica è l'azione diretta nonviolenta che vince il
male e lo reprime con azioni di bene .E' l'azione svolta a beneficio e
a favore della società civile.Questa è la sfida ,il grido provocatorio
che lancio personalmente in questo tempo arido di Verità e di Carismi :
Essere"VOCE "capace di andare oltre... per rovesciare il sistema
attuale corrotto da interessi e da mafie....Da ciò deriva il destino
del mondo e il futuro dell'uomo! http://www.agneseginocchio.it

P.s:
Agnese Ginocchio è membro dei Comitati civici difesa acqua di Napoli -
Caserta e prov. Ha aderito allo sciopero della fame contro la
privatizzazione lanciato da P.Alex Zanotelli ,raccolto firme contro la
privatizzazione e partecipato alle azioni di sensibilizzazione e
manifestazioni dei comitati stessi.



Link correlato ancora al tema
acqua (testo canzone di Agnese dedicato all'Acqua) :
http://www.
agneseginocchio.it/Canzoni_agnese/Il%20canto%20per%20l'Acqua%20di%
20Agnese.htm


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl