CHE ATTIVITA' SVOLGE IL COPIT?

ai sensi dell'articolo 32 della legge 28 dicembre 2001, n.448, i contributi dello Stato ad enti, istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi sono iscritti in un'unica unità previsionale di base nello stato di previsione di ciascun Ministero interessato, che effettua annualmente il relativo riparto con proprio decreto, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari;

05/gen/2006 06.38.17 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Legislatura 14 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-06298
Atto n. 4-06298

Pubblicato il 4 marzo 2004
Seduta n. 556

SOLIANI, MODICA, CORTIANA, MANIERI, BETTA. - Ai Ministri dell'istruzione, dell'università e della ricerca e dell'economia e delle finanze. -
Premesso che:
ai sensi dell'articolo 32 della legge 28 dicembre 2001, n.448, i contributi dello Stato ad enti, istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi sono iscritti in un'unica unità previsionale di base nello stato di previsione di ciascun Ministero interessato, che effettua annualmente il relativo riparto con proprio decreto, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari;
il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca ha presentato in Parlamento, peraltro in ritardo, lo schema di decreto concernente la destinazione della quota dello stanziamento iscritto nello stato di previsione della spesa dello stesso Ministero per l'anno 2003, relativo ai contributi in favore di enti, istituti e associazioni, fondazioni ed altri organismi, per il finanziamento degli istituti scientifici speciali;
tra i nuovi enti ammessi al finanziamento per l'anno 2003 risulta esservi il Copit, ossia il Comitato di parlamentari per l'innovazione tecnologica e lo sviluppo sostenibile, al quale viene destinato un importo pari a 20.000 euro;
considerato che:
con specifico riferimento agli istituti scientifici speciali, con decreto ministeriale 8 ottobre 1996, n. 623, del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca è stato adottato il regolamento recante criteri e modalità per la concessione di contributi per il funzionamento di detti istituti;
il suddetto regolamento prevede un articolato insieme di criteri in base ai quali il Ministero è tenuto a valutare le richieste di concessione dei contributi da parte di enti e istituzioni di ricerca, pubblici e privati, che svolgano attività di ricerca o di formazione post-universitaria;
in particolare, per la concessione dei contributi sono presi in considerazione numerosi elementi, tra i quali la rilevanza della produzione scientifica dell'ente; la rilevanza delle attività di formazione post-universitaria; l'interesse scientifico e la qualità dei progetti di ricerca svolti dall'ente e la sua capacità di realizzarli; la tradizione storica dell'ente, la sua rilevanza nazionale e internazionale e la sua attualità,
si chiede di sapere:
sulla base di quali valutazioni si sia ritenuto di ammettere il Copit ai contributi statali e, in particolare, quale sia la rilevanza e la qualità dell'attività scientifica svolta dal Copit;
se si ritenga l'attività del Copit talmente rilevante sotto il profilo culturale e dello sviluppo scientifico da giustificare l'assegnazione di un contributo statale, in tal caso sottraendolo ad altri enti e istituiti di indiscusso valore nel settore della ricerca e della formazione, e che perseguono delle chiare e meglio riconoscibili finalità di sviluppo culturale.

NOTA: Osservare come dentro il Parlamento c'è chi da tempo pensa che qualcosa di questo COPIT non quadra.

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl