Comunicato stampa: Il governo della recessione

Allegati

14/nov/2011 12.39.32 Ufficio stampa Alternativa: Rodolfo Monacelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

caduto, finalmente, uno dei governi pi corrotti e ridicoli dell'intera storia italiana. Purtroppo ci non avvenuto per effetto di una lotta popolare contro le iniquit sociali volute dal governo Berlusconi, n di una rinascita morale contro la corruzione del paese, n dell'emergere di un progetto politico di superamento delle follie del nostro attuale sistema politico-sociale. La fine del governo Berlusconi , al contrario, l'effetto di un attacco concentrico dei ceti dirigenti nazionali e internazionali, che giudicavano Berlusconi (correttamente, dal loro punto di vista) troppo debole per operare il massacro sociale di cui essi hanno bisogno per mantenere il loro dominio e rimpinguare le loro casse.


Berlusconi cade perch all'interno della sua coalizione esistevano freni alla realizzazione delle scelte antipopolari ordinate da Bruxelles. E soprattutto perch il governo di centrodestra era privo dell'appoggio delle forze sociali e sindacali necessarie per sopire le legittime proteste alle pretese di rivoltare il mondo del lavoro, il sistema pensionistico e l'assetto dei beni comuni. Grazie al consenso di cui dispone, interno e internazionale, Mario Monti sar in grado di condurre a termine la distruzione dello Stato sociale molto pi efficacemente di Berlusconi. per questo che stato messo a capo del governo. Per privarci di tutto quello che due secoli di lotte popolari hanno conquistato: il superamento della povert, i diritti e i contratti nazionali di lavoro, la scuola per tutti, una pensione decente, l'assistenza sanitaria. Tutto questo verr cancellato, in nome della mitica “crescita” e dell'Europa.

Ma questo scempio non servir nemmeno a far ripartire la crescita, perch ci avviter in una spirale di recessione economica e disperazione sociale. Alternativa denuncia con forza il fatto che il prossimo governo Monti ha l'esplicito incarico di attuare politiche di spoliazione del paese (svendita di propriet pubbliche, privatizzazioni dei beni comuni), di aggressione al reddito e alle condizioni di vita e di lavoro dei ceti medi e popolari, di distruzione dei diritti; denuncia il ruolo giocato in questa crisi dal Presidente Napolitano, che travalicando i limiti del suo ruolo costituzionale si fatto strumento di una manovra politica contraria agli interessi popolari; denuncia la secca perdita di democrazia realizzatasi con la riduzione dell'Italia a Stato commissariato da entit straniere e non democratiche come la BCE e il FMI.

L'azione del governo Monti ci render tutti pi poveri, pi precari e meno liberi di oggi.

Alternativa chiama tutte le forze popolari del paese ad una lotta intransigente contro questo governo il cui unico fine la spoliazione del popolo italiano.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl