LA SPERANZA DELL’UOMO Di L. Ron Hubbard

Con la scienza che forniva la tecnologia che scoprì per l'Uomo l'anima che gli era stata a lungo negata, migliaia di anni di fede in campo religioso si tradussero in una realtà che qualsiasi individuo può raggiungere adesso.

Persone Ron Hubbard
Organizzazioni Scientology
Argomenti religione, termini scientifici, militare

23/nov/2011 22.23.00 Gabriele Casella Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Con prove dimostrabili, anziché pure e semplici convinzioni, L. Ron Hubbard stabilì che esiste davvero uno spirito 

 

immortale dotato di potere di sopravvivenza infinita: un’unità consapevole di essere consapevole che è l’individuo 

 

stesso. Con la scienza che forniva la tecnologia che scoprì per l’Uomo l’anima che gli era stata a lungo negata, 

 

migliaia di anni di fede in campo religioso si tradussero in una realtà che qualsiasi individuo può raggiungere 

 

adesso.

DESCRIZIONE COMPLETA

Quest’opera non rappresenta una rivolta. Non rappresenta neanche lontanamente il desiderio dell'estinzione per 

 

nessuna di queste cose. Rappresenta soltanto la speranza che l’Uomo possa ritrovare la fiducia in sé, possa trovare 

 

se stesso in una società molto confusa e meccanicistica, e possa recuperare un po’ della felicità, un po’ della 

 

sincerità, un po’ dell’amore e della gentilezza con cui è stato creato.

— L. Ron Hubbard

 

Dall’alba dei tempi, l’Uomo ha nutrito la speranza di poter raggiungere una maggior libertà, ha sperato che la vita 

 

trascendesse il semplice tran tran quotidiano. Tale speranza, espressa dai più grandi leader religiosi nel corso dei 

 

secoli, ha ripetutamente rinnovato la sua forza di affrontare il futuro. Ma, in assenza di mezzi pratici in grado di 

 

tradurre la speranza in realtà, la meta di una libertà maggiore restava, se non per tutti almeno per molti, un sogno 

 

lontano e irraggiungibile.

 

Con l’avvento del XX secolo, si ebbe l’avanzamento rapido e senza precedenti delle scienze fisiche che portò alla 

 

luce una gran quantità di nuovi dati sull’universo. Allo stesso tempo, però, tali scienze limitavano la propria 

 

ricerca al mondo materiale, ignorando, o persino negando, l’esistenza dell’anima umana.

 

Questo era lo scenario della ricerca di L. Ron Hubbard, durata un quarto di secolo, per risolvere l’enigma dell’Uomo. 

 

Applicando gli strumenti e la tecnologia del XX secolo alla conoscenza accumulata nel corso di millenni di 

 

insegnamenti religiosi, cercò di raggiungere la comprensione di chi e che cosa fosse esattamente l’Uomo.

 

Poi, nel 1952, fece una scoperta degna di passare alla storia. Con prove dimostrabili, anziché pure e semplici 

 

convinzioni, Ron Hubbard stabilì che esiste davvero uno spirito immortale dotato di potere di sopravvivenza infinita: 

 

un’unità consapevole di essere consapevole che è l’individuo stesso. Inoltre, tramite gli stessi metodi scientifici, 

 

egli scoprì anche di poter risalire le tracce di tale unità consapevole di essere consapevole… una vita dopo l’altra.

 

Tali notevoli scoperte rappresentarono il tanto agognato punto d’incontro tra scienza e religione, in cui la scienza 

 

forniva la tecnologia che scoprì per l’Uomo l’anima che gli era stata a lungo negata. In tal modo, migliaia di anni 

 

di fede in campo religioso si tradussero in una realtà che qualsiasi individuo può raggiungere adesso.

 

Nacque così una nuova religione, la prima religione al mondo interamente pratica: Scientology

http://www.scientology.it/books/catalog/hope-of-man-classic.html

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl