ANCHE AL CNR FANNO COME ALL'INAF

ANCHE AL CNR FANNO COME ALL'INAFtratto dal sito www.rdbcub.it

18/gen/2006 02.46.03 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
tratto dal sito www.rdbcub.it

Polemiche al Cnr per l'assunzione di centoventidue ricercatori e tecnologi per chiamata diretta

Un settimana, quella appena passata, destinata a lasciare il segno nella storia recente del Cnr. Ha iniziato il mensile Le Scienze, dando notizia che dopo una ricerca effettuata nel database Thomson Isi Web of Knoweledge, che permette di valutare la produttività scientifica dei ricercatori di tutto il mondo, Fabio Pistella, presidente del maggiore ente pubblico di ricerca del Paese, avrebbe all’attivo solo 3 pubblicazioni scientifiche e non 150 come, riportato nel curriculum dello stesso. La stupefacente 'rivelazione' foriera di polemiche è stata ripresa da importanti quotidiani ed attende ora la confutazione da parte dell’interessato. Non meno 'fragorosa' è stata la notizia della assunzione da parte dell’ente di piazzale Aldo Moro, a chiamata diretta, di 122 tra ricercatori, tecnologi e collaboratori, di cui 90 per gli istituti e 32 per l’amministrazione centrale, per la durata di 5 anni e per una spesa complessiva di circa 25 milioni di euro. Il provvedimento firmato da Pistella il 29 dicembre scorso è venuto in possesso di Usi/RdB il 13 gennaio. E solo dopo reiterate richieste. Dall’esame dello stesso emerge che il 9 novembre scorso, il cda con una delibera, mai comunicata al sindacato Usi/RdB-Ricerca ed apparsa sul sito web dell’ente solo qualche giorno fa, aveva dato mandato al presidente, previa informativa ai sindacati, di assumere ricercatori e tecnologi a termine, mediante selezioni pubbliche e/o per chiamata diretta, in deroga al disciplinare Cnr sulle assunzioni che prevede la selezione pubblica sia per tecnologi e ricercatori che per collaboratori. Il ricorso alla chiamata diretta è ammesso solo per specifici progetti di ricerca e limitatamente a ricercatori e tecnologi con documentata produzione scientifica di eccellenza (art. 20, comma 3, d.lgs. 127 del 2003). L’inopinata decisione del Cnr di ricorrere solo alla chiamata diretta ha provocato la dura reazione del sindacato Usi/RdB-Ricerca: "Il presidente Pistella dopo la delibera del cda del 9 novembre, non ci ha informati della decisione di ricorrere alla scandalosa chiamata diretta. Se lo avesse fatto, ci saremmo opposti fermamente perché non sembrano sussistere i requisiti di legge. Al contrario, avremmo chiesto la selezione pubblica, non solo a tutela dei tanti assegnisti di ricerca che così avrebbero potuto ottenere una assunzione a termine con la prospettiva concreta di una trasformazione a tempo indeterminato senza ulteriore selezione pubblica, ma anche di altri ricercatori e collaboratori 'sconosciuti', privi di 'protezione', che avrebbero fatto conoscere i propri titoli. Chi ha forzato il blocco è chiaro che se ne assume tutta la responsabilità".

NOTA:
QUANTI AMICI E PARENTI STAVOLTA SONO STATI COLLOCATI NEI POSTI GIUSTI ?
QUANTI I RACCOMANDATI DAI POLITICI ?
QUANTI FAVORI SONO STATI RESTITUITI ?
QUANTI POSTI SONO STATI SOTTRATTI A CHI NON HA SANTI PROTETTORI ?

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl