Il D.D.L. 3537 diventa Legge. Finalmente approvato l'Affido Condiviso

25/gen/2006 15.37.38 Ge.Fi.S. - Genitori di Figli Sequestrati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Spett.le Comunicati.net, dopo più di tre anni di travagliata gestazione in
Parlamento, il 24/01/2006 alle ore 22.15, è stata finalmente approvata
la Legge sull'Affidamento Condiviso dei figli nei casi di separazione
dei genitori. Questa nuova Legge, pur con le sue innegabili
limitazioni, dovute alle continue smussature praticate trasversalmente
dai Deputati nei vari stadi di discussione in Parlamento, rappresenta
il primo passo verso un fondamentale cambiamento in tema di Diritto di
Famiglia e della mentalità, ormai radicata da decine di anni, che i
figli dovevano per forza essere affidati ad un unico genitore, dove
l'altro era rilegato quasi esclusivamente ad una funzione di bancomat
e niente più. Per rigore di cronaca occorre dire che anche prima
avevamo già una Legge che permetteva ai genitori di avere l'affido
congiunto, ma questa era rimasta quasi sempre inapplicata nelle aule
giudiziarie, in quanto i giudici, per motivi che ancora oggi risultano
misteriosi, non la applicavano neppure se richiesta dai genitori in
separazione. Con la nuova Legge abbiamo alcuni punti fondamentali di
miglioramento e che costituiscono una vera svolta:

1) il maggiore controllo sull'educazione, la salute ed il divertimento
dei figli, da parte di entrambi i genitori, opportunità che si tramuta
in un tempo maggiore di contatto con gli stessi;

2) il Diritto fondamentale dei nonni, e dei famigliari più stretti, ad
avere un contatto continuativo con i propri nipoti, mentre prima
non erano contemplati dalla precedente Legge ed il suddetto Diritto
era soltanto a discrezione del genitore affidatario, ma il più delle
volte si ritrovavano a vedere i nipoti soltanto nei ritagli di
tempo in cui gli stessi erano dal genitore non affidatario;

3) la perdita del Diritto all'affidamento della casa coniugale da
parte del coniuge affidatario che convive con altri, mentre prima i
genitori non affidatari erano costretti a lasciare la casa coniugale,
anche se di loro esclusiva proprietà, per non farvi, effettivamente,
mai più ritorno e a subire l'ulteriore beffa di vedere un altro che
prendeva tranquillamente, e gratuitamente, il loro posto.

Nonostante le sue lacune questa Legge rappresenta un passo avanti
verso la completa uguaglianza dei Diritti e dei Doveri, più
comunemente chiamata "parigenitorialità", di entrambi i genitori nei
confronti dei propri figli, i quali devono sempre essere tenuti al
centro dell'attenzione. Naturalmente proprio per il bisogno di cercare
di perfezionare ancora questa Legge, tutte le Associazioni di genitori
separati, che come noi del Ge.Fi.S. - Genitori di Figli Sequestrati,
hanno lottato per svariati anni, al fine di vedere un cambiamento
epocale nel Diritto di Famiglia, vigileranno costantemente per
garantire che le nuove norme vengano rispettate dai genitori
coinvolti, ma anche dai giudici dei Tribunali Italiani, affinchè
questa volta non accada quello che è già successo con la precedente
Legge, dove l'applicazione del principio della parigenitorialità è
stato completamente disatteso, causando, all'interno del nucleo
familiare coinvolto, delle fratture incolmabili. Fratture delle quali
la società sta pagando, e continuerà a pagare per qualche anno,
attraverso l'aumento delle problematiche giovanili legate alle
separazioni dei genitori dove, fino ad oggi, non si è realmente
garantito un contatto paritario tra tutti i coinvolti.

Fausto Paesani - cell. 3478473605 - Ge.Fi.S. - Genitori di Figli
Sequestrati - Comitato Senza Scopo di Lucro.
http://xoomer.virgilio.it/geni_e_figli


--
Perchè soltanto attraverso l'Informazione si può combattere l'Ingiustizia !!

Nel caso non volessi più ricevere e-mail dal Ge.Fi.S. - Genitori di
Figli Sequestrati - Comitato Senza Scopo di Lucro, con indirizzo
internet: http://xoomer.virgilio.it/geni_e_figli , puoi inviare la tua
richiesta di cancellazione dalla lista di distribuzione al seguente
indirizzo e-mail: genitori_e_figli@hotmail.com Ricordandoti che da
anni lottiamo per combattere le ingiustizie e disparità di trattamento
nei casi di Separazione dei Genitori ed Affido dei Minori in Italia,
ti ringraziamo per l'attenzione e comprensione e porgiamo i nostri più
cordiali saluti estesi ai Tuoi Familiari.

Ge.Fi.S.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl