2011: Campagna sociale di prevenzione alla droga sostenuta dalla Chiesa di Scientology

04/gen/2012 22.29.40 Gabriele Casella Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

2011: Campagna sociale di prevenzione alla droga sostenuta dalla Chiesa di Scientology Brescia: domenica 1 gennaio 2012 presso la Chiesa di Scientology dei Tre Laghi, dopo la funzione di inizio anno sono stati annunciati i conseguimenti ottenuti nella campagna sociale di prevenzione del 2011, sostenuta e supportata dalla Chiesa. Nel campo della prevenzione, con il gruppo "Dico no alla droga, dico si alla vita", sono stati distribuiti otre 25.000 libretti "La verità sulle droghe", in collaborazione con la "Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga". Buona parte sono stati distribuiti all'uscita della discoteca Florida ed in soli pochi mesi gli interventi del 118 sono diminuiti drasticamente. Molti altri sono stati distribuiti nei negozi, durante tornei sportivi ed altre manifestazioni. In otto province vicine, sono stati fatti cortei a seguito di una bara bianca con una siringa soprastante, creando un notevole impatto sulla popolazione e permettendo una diffusione del materiale di prevenzione. A Bergamo oltre 500 alunni hanno assistito alla conferenza di prevenzione sulla droga e più del 90% dei ragazzi hanno compreso la pericolosità delle sostanze stupefacenti. Nella zona del Castello di Brescia, grazie ad una costante distribuzione di opuscoli e raccolta siringhe, quest'anno abbiamo avuto la bella notizia che ora la zona è più pulita, vivibile e priva di pericoli collegati all'abuso di droghe. Inoltre i volontari del "Dico no alla droga, dico si alla vita" su richiesta dei commercianti, hanno ripulito a fondo la zona dietro la stazione di Brescia, non solo dalle siringhe ma anche dalla sporcizia che deturpava l'ambiente. Nell'arco del 2011 sono state raccolte quasi duemila siringhe infette abbandonate nei parchi e giardini pubblici, creando un ambiente meno pericoloso. Considerando inoltre le decine di ragazzi che hanno riportato di aver smesso l'uso di droghe grazie all'informazione avuta, e alla richiesta di ulteriore materiale di prevenzione, si può considerare che il 2011 sia stato un ottimo anno per la prevenzione. Le parole "Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l'unica ragione di vita" di L. Ron Hubbard, sono sempre state da sprono per i volontari.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl