RIFUGIO PARRELL MIRACOLI CHE SI RIPETONO

25/gen/2012 09.15.01 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

RIFUGIO PARRELLI: MIRACOLI CHE SI RIPETONO


Il nuovo anno, per il Rifugio Parrelli, è iniziato sotto gli auspici più favorevoli: la Befana ha, infatti, portato un'altra bellissima storia di vita e d'amore. Tutto è cominciato quando il dr. Giulio, un conoscente della signora Giuseppina, si trovava in giro per una strada commerciale di Roma per fare delle compere. Improvvisamente egli ha sentito un piccolo vagito provenire da un cassonetto vicino al quale stava passando. Incuriosito, lo ha aperto, scoprendo una scena davvero terrificante: chiusi dentro una busta di plastica si agitavano disperatamente, tra i vari cumuli dell'immondizia, sei cuccioli di cane appena nati. Certamente, lo scopo di chi li aveva abbandonati così incivilmente in quel posto, era quello di provocare loro un'atroce morte per soffocamento. Non è un episodio raro a verificarsi: malgrado esso, infatti, faccia naturalmente venire i brividi ad ogni persona sensibile, fa parte di un genere di eventi che si ripetono spesso, portando sofferenza anche a chi, come i gestori della L.A.I. e del Rifugio Parrelli, negli anni hanno acquisito l'abitudine a sentire storie di abbandono e di morte di amici a 4 zampe indifesi, tra le più varie. Per la signora Giuseppina, che tra poco compirà 89 anni, però, c'è sempre, al di là di questa miseria umana, qualcosa che le fornisce sia la forza che la gioia per continuare a credere nella missione in cui è impegnata da quasi cinquant'anni. Così, quando il dr. Giulio portò quelle creaturine al Rifugio per cercare di salvarle dall'atroce fine cui erano destinate, la signora Giuseppina, per evitare loro l'assideramento, le mise subito al calduccio, dando loro una prima poppata di latte tiepido. Come straordinario segno di un destino amico, di lì a poco si presentava al cancello del Rifugio un signore che aveva in macchina una cagna, raccolta sotto una catasta di legna, con tre cuccioli da poco morti e le mammelle ben pregne di latte: un miracolo da far accapponare la pelle e rendere quasi incredibile la sua lettura a dei semplici occhi! La signora Giuseppina, immediatamente, affidò i poveri sei cucciolotti appena salvati da morte certa alla nuova arrivata: che emozione, vedere come essi si attaccavano immediatamente alle sue mammelle, succhiando latte a più non posso! Oggi i cuccioli rimasti sono cinque, perchè uno di essi, malgrado tutte le attenzioni e cure, non è riuscito a sopravvivere. Continuano a nutrirsi dalla nuova mamma cagna ed a crescere a vista d'occhio. Forse anche per aiutarci  a descrivere sempre meglio le tante storie a lieto fine che ormai da tempo si verificano sempre più spesso nel nostro Rifugio.


L.A.I. Lega Antivivisezionista Italiana

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl