ANMV IL NUOVO REDDITOMETRO COLPIRA' A CASO

02/feb/2012 14.51.54 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line


ANMVI: IL NUOVO REDDITOMETRO COLPIRA’ A CASO

ANMVI: “selezione mirata” impossibile verso i contribuenti possessori di animali.

Spiegate alla Commissione redditometro del Ministero delle Politiche Agricole le ragioni del “no”

(Cremona, 2 febbraio 2012) - L’inclusione del cavallo e delle spese veterinarie fra gli indicatori del redditometro è un criterio aleatorio che colpirà a caso i contribuenti possessori di animali. O meglio colpirà i proprietari in regola e sarà un deterrente per la regolarizzazione anagrafica del possesso a norma di legge.

Ciò malgrado il dichiarato intento delle Entrate di operare una “selezione mirata dei soggetti da sottoporre a controllo sulla base dell’analisi del rischio effettuata per ciascuna macro-tipologia di contribuenti”.

Permangono i dubbi dell’ANMVI sulla logica del Fisco nel considerare i cavalli che non svolgono attività lucrative e le cure veterinarie come indice di “capacità di spesa del contribuente”. Ora l’Associazione si chiede anche quali siano i dati di riferimento delle Entrate per la “selezione mirata” e “l’analisi del rischio”.

Gli accertamenti nei confronti dei proprietari di cavalli, ad esempio, hanno già rivelato di essere casuali e discriminatori, non solo perché non è stata definita dal Fisco la detenzione dell’equide, ma anche perché la banca dati anagrafica di riferimento è incompleta e non offre dati certi sulla popolazione equina nazionale. Nè l'Istat ha il dato delle famiglie proprietarie, un dato non rilevato dal censimento.

Il Fisco colpirà, discriminandoli, i proprietari in regola con gli obblighi anagrafici e possesso di animali a norma di legge. Le banche dati anagrafiche e sanitarie degli animali saranno usate a scopi fiscali, innescando l'equazione cure uguale ricchezza.Motivazioni che i medici veterinari dell’ANMVI e della SIVE (Società Italiana Veterinari per Equini) hanno spiegato alla Commissione redditometro attivata dal Ministero delle Politiche Agricole.

Ufficio Stampa ANMVI

Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani

0372/40.35.47

iBOX DEM

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl