City Angels, dpo la morte del sesto clochard in due mesi: «Dateci vestiti e coperte per i senzatetto!»

Allegati

10/feb/2006 05.49.21 Ufficio Stampa e Relazioni Esterne CITYANGELS ROMA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ASSOCIAZIONE CITY ANGELS ROMA
Ufficio Stampa e Relazioni Esterne

COMUNICATO STAMPA

 
Dopo la morte del sesto clochard in due mesi
City Angels: Servono vestiti e coperte per i senzatetto
 
Roma, 10 febbraio 2006 - Sei clochard morti a distanza di qualche giorno. L'ultima vittima arsa viva nel gabbiotto dell'Atac nei pressi di piazzale Clodio a Roma, nel tentativo di scalarsi in una notte fredda. E il bilancio rischia di diventare ancora più pesante nei prossimi giorni. Per questo i volontari dei City Angels rivolgono un appello ai romani: fateci avere coperte, sacchi a pelo, vestiti e cibo a lunga conservazione da distribuire ai senzatetto. Gli Angeli segnalano casi di principi di assideramento tra i clochard nelle ore notturne, soprattutto tra i più anziani, le donne e i piccoli nomadi.
I City Angels saranno a disposizione per la raccolta del materiale ogni mercoledì e giovedì sera dalle ore 20.30 presso la Stazione Termini e sabato mattina dalle ore 9.00 presso la Stazione Tiburtina.
I City Angels, volontari di strada d'emergenza in basco blu e giubba rossa, operano nelle zone di Roma dove maggiore è la presenza dei senza fissa dimora: stazioni e aree periferiche. Gli Angeli svolgono inoltre una funzione di prevenzione della microcriminalità.
Fondati a Milano nel 1995 da Mario Furlan, i City Angels sono operativi, oltre che nel capoluogo lombardo e a Roma, anche a Torino e a Tirana, in Albania.
 
 
Per informazioni:
Roberto Cirillo - Resp. Ufficio Stampa e Relazioni Esterne
City Angels Roma
Cell. 347/0780565
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl