I Presupposti Teorici del Programma Narconon

23/feb/2012 18.14.45 comunita-droga.org Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Narconon Logo
English article on bottom page

Presupposti teorici del programma Narconon
Dottor Fabrizio d'Agostini

Nella seconda metà del '900 l'occidente ha conosciuto la diffusione della droga a livello di massa. Le ragioni possono essere le più varie, ma probabilmente non è un caso che questo sia seguito alla seconda guerra mondiale; all'avvento della televisione e all'esplosione dei mezzi di comunicazione di massa.

Hanno così ragione quelli che hanno indicato la caratteristica dell'epoca nella presenza di una diffusa paura per le sorti dell'umanità minacciata dalle armi nucleari; dalla degenerazione ecologia e progressiva dell'ambiente; dalla manipolazione genetica; dal c.d. scontro di civiltà e da molti altri fattori che, al di là dei giudizi morali, appaiono incombere e dall'altro, il vuoto della paura, apparentemente colmato dalla soddisfazione di bisogni materiali.

In sostanza: la fine dei valori è la fine del futuro. Rimane solo la soddisfazione di bisogni materiali promossa dalla televisione e dalla comunicazione di massa. L'individuo di massa tende, infatti, al nulla (folla solitaria). Il modello che ne risulta, definito post-moderno, indica una fase tormentata e di passaggio della civiltà occidentale e forse dell'umanità.

La droga si afferma in occidente come promessa chimica, meccanica, di libertà e di benessere. È una risposta ai bisogni immediati (nella droga non esiste tempo). L'individuo con l'assunzione della droga diviene, lì per lì, più forte, più intelligente, più pronto... più libero e meno "nulla". La droga gli assegna una identità fittizia. Pian piano divenuto tossicodipendente l'essere sparisce obnubilato dal dominio sempre più forte, arrogante e completo della droga.

È attraverso il corpo, attraverso la materia e i processi chimici, che la droga prende il dominio sulla persona e quindi sullo spirito. L'essere alla fine muore e resta solo un corpo affamato. L'iniziale illusione di libertà si è trasformata in una prigione (la stessa illusione che ha intrappolato l'ultimo Freud).

Poiché il punto di rottura appare essere il corpo, esiste una forte tendenza alla medicalizzazione della tossicodipendenza. Ritenere cioè, al di là delle parole, il tossicodipendente un ammalato e cercare di "curarlo" soprattutto o anche o molto con trattamenti medici.

Certo ogni persona sottratta alla droga qualunque sia il metodo è una vittoria, ma i sistemi adottati hanno sempre o quasi una fase preliminare di assunzione di droga, metadone, psicofarmaci o medicine, quest'ultime non come doverosa cura delle malattie prodotte nel corpo dalla droga, ma come mezzo di disintossicazione.

In sostanza il corpo è così nuovamente enfatizzato e il meccanismo dei rapporti corpo-spirito è rafforzato dal punto di vista del corpo. Certo generalmente, i sistemi di disintossicazione contengono "anche" programmi di lavoro e apprendimento di professioni o mestieri, ma il modello che si afferma è sempre lo stesso.

Per questa ragione non sono poi molti quelli che escono definitivamente dalla droga ed è per questo che la tossicodipendenza appare un problema sociale quasi invincibile.

Il programma Narconon invece basa tutto il programma sul presupposto che l'essere umano sia sostanzialmente un'anima più un corpo o, che è lo stesso, uno spirito incarnato, senza attribuire alla nozione sia di anima sia di spirito nulla di metafisico o astratto e tantomeno di religioso. L'essere umano è dunque un essere composito che, attraverso un "organo" definito mente, vive e opera nella società e nella storia.

È lo spirito che attraverso la mente dirige il corpo. La droga inverte l'ordine delle gerarchie e la materia e i suoi brutali bisogni finiscono per prevalere e finiscono per dominare lo spirito. Sono meccanismi assoluti che non hanno limiti interni e il corpo non si ferma se non con la morte fisica. Allora, la morte dello spirito è avvenuta da molto tempo. L'unico motivo per il quale un tossicodipendente cerca di uscire dalla droga è perché sente la rovina dello spirito e incombere la morte. Sente che vi è qualche cosa di profondamente sbagliato nel modello proposto dalla droga. (Continua)


SE CONOSCI QUALCUNO CHE HA UN PROBLEMA DI DROGA O ALCOL C'È QUALCOSA CHE PUOI FARE SUBITO
CHIAMA 02 36589162
IL PROGRAMMA NARCONON FUNZIONA


Narconon è un programma di riabilitazione che non utilizza droghe alternative, farmaci o sostanze che alterano la mente, nel processo della riabilitazione. È un programma di studio (educativo) per la riabilitazione di chi ha abusato di droghe o alcol basato sulle ricerche e le scoperte dell'educatore L. Ron Hubbard.


Le informazioni contenute in questo messaggio sono riservate e confidenziali ed è vietata la diffusione in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona a cui il presente messaggio è destinato, La invito ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.
Per qualsiasi informazione si prega di informarci all'indirizzo e-mail: cancella@narcononsudeuropa.org
(D. Lgs. n. 196/2003 -Testo Unico Privacy).

TO UNSUBSCRIBE
cancella@narcononsudeuropa.org



Narconon Arrowhead

One after another, U.S. states are proposing, discussing or submitting bills related to drug testing for welfare recipients. The basic idea is to restrict welfare benefits to those who are actively seeking to improve themselves and so be able to discontinue benefits, not those who might choose to indulge in the abuse of drugs. The path to passage or implementation of these laws is uncertain due to legal challenges on constitutionality grounds.

Does it violate an American's constitutional right to freedom from unreasonable search and seizure to require a drug test before receiving welfare benefits? A Florida judge said that it did, in October 2011 when she blocked the enforcement of Florida's May 2011 law on the subject.

Michigan also had a law like this on the books, but it too was struck down years ago. As more and more states began looking at passing similar laws in late 2011, Michigan legislators began to talk about how they could implement a new law that would stand up to constitutionality challenges. Illinois, Kentucky, West Virginia and Kansas were also investigating ways to implement drug testing for welfare and other assistance recipients.

Drug Abusers and Those Who Are Addicted Often Lose Ability to Maintain the Basic Essentials of Life

One of the reasons lawmakers are contemplating laws like these is that those who abuse drugs and those who are addicted often lose the ability to maintain the basic needs of life such as employment and steady income, food supplies for self and family and covering the needs of children for decent hygiene, clean clothes and a safe place to live and sleep. Any addicted person, whether to alcohol, heroin, or prescription drugs, could become sufficiently impaired to be unable to adequately handle these basics. And while situations vary from one person to the next, it is common for those abusing crack cocaine and methamphetamine to very often lose their ability to nurture children.

Trying to ensure that those who receive state funds are not affected by drugs is understandable, but far better is providing effective addiction recovery help.

Narconon Arrowhead Has Been Helping Provide Lasting Sobriety for More than a Decade

Since the Canadian, Oklahoma facility opened in 2001, Narconon Arrowhead has been offering a long-term residential drug rehabilitation program that
saves lives. Seven out of ten graduates stay sober after they go home, meaning that thousands of children have a caring parent and caregiver back again.

The Arrowhead Narconon drug recovery program uses no substitute drugs or medications as part of the treatment program. Nutritional support helps a person going through withdrawal have a tolerable experience, and also assists the body in flushing out old drug toxins. These residual toxins, found to be involved in the triggering of cravings, even years after drug use stopped, are flushed out in a sauna-based program. This phase of the overall recovery program uses nutrition, time in a sauna and moderate exercise to result in clearer thinking and reduced cravings.

Following this step is an array of life skills training classes that have been found to result in the restoration of personal integrity and the ability to make drug-free decisions.

The Narconon Arrowhead center is part of the Narconon International network of rehabilitation facilities that have been saving lives for more than forty-five years.


Copyright © 2012 Narconon Sud Europa. Narconon e il logo Narconon jumping man sono marchi d' impresa e di servizio di proprietà dell' Association for Better Living and Education International (ABLE) e sono usati con il suo permesso. Si ringrazia la L. Ron Hubbard Library per avere concesso la riproduzione di materiale protetto da copyright.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl