E-MAIL DI G.A. SULLA TRAGEDIA DI BALVANO

22/feb/2006 08.19.25 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Salve

Sono dispiaciuto per il non riconoscimento di quella tragedia ma essendo

curioso ho rintracciato le Leggi citate nel comunicato e leggendole ho

riscontrato che ci sono tutti i numeri per riconoscere il merito.

La prima eccola:

L. 2 gennaio 1958, n. 13 (1).

Norme per la concessione di ricompense al valore civile.



1. Le ricompense al valor civile sono istituite per premiare atti di

eccezionale coraggio che manifestano preclara virtù civica e per segnalarne

gli autori come degni di pubblico onore.

2. Le ricompense al valor civile sono:

le medaglie d'oro, d'argento e di bronzo; l'attestato di pubblica

benemerenza.

Esse hanno le caratteristiche indicate nei quadri annessi alla presente

legge.

3. Le ricompense al valor civile sono concesse a coloro che compirono gli

atti di cui all'art. 1, scientemente esponendo la propria vita a manifesto

pericolo:

per salvare persone esposte ad imminente e grave pericolo; per impedire o

diminuire il danno di un grave disastro pubblico o privato; per ristabilire

l'ordine pubblico, ove fosse gravemente turbato, e per mantenere forza alla

legge; per arrestare o partecipare all'arresto di malfattori; pel progresso

della scienza od in genere pel bene dell'umanità; per tenere alti il nome ed

il prestigio della Patria.

4. Gli atti di valore civile, se reiterati, possono essere premiati ciascuno

con un'appropriata ricompensa al valor civile e senza limitazione di numero.

Non è per altro consentito il conferimento di più ricompense per un solo

fatto, anche se molteplici siano stati gli atti di coraggio compiuti in tale

circostanza dalla medesima persona.

La commutazione di più decorazioni di grado inferiore in una di grado

superiore non è ammessa.

5. Le ricompense al valor civile possono essere concesse alla memoria.

6. Le ricompense al valor civile possono essere concesse anche a reparti

militari, Enti e Corpi, i cui membri abbiano compiuto collettivamente atti

di cui all'art. 3.

7. Una Commissione, nominata con decreto Presidenziale, su proposta del

Ministro per l'interno, esamina il merito dell'azione compiuta ed esprime il

suo parere sulla ricompensa da concedere.

Tale Commissione è composta:

a) da un prefetto della Repubblica in servizio al Ministero dell'interno,

che la presiede;

b) da un senatore e da un deputato da designarsi all'inizio di ogni

legislatura dai Presidenti delle rispettive Assemblee;

c) da due membri designati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, di

cui uno scelto fra persone particolarmente qualificate per l'attività svolta

nel campo sociale ed assistenziale e l'altro fra persone particolarmente

qualificate per l'attività svolta nel campo della pubblica informazione;

d) da un ufficiale generale o superiore appartenente all'Arma dei

carabinieri, designato dal Ministro per la difesa;

e) da un componente il Consiglio di amministrazione della Fondazione

Carnegie per gli atti di eroismo, designato dal presidente della Fondazione

medesima.

Esercita le funzioni di segretario della Commissione un consigliere

dell'Amministrazione civile dell'interno.

I componenti della Commissione durano in carica quattro anni e possono

essere riconfermati per una sola volta.

8. Non occorre il parere della Commissione quando i caratteri dell'atto

coraggioso e la risonanza che questo ha suscitato nella pubblica opinione

conclamino la opportunità della ricompensa.

9. La Commissione, qualora ravvisi nell'azione compiuta, non le condizioni

di cui al precedente art. 3, ma quelle di cui all'art. 1 della legge 20

giugno 1956, n. 658, può proporre che venga concessa una delle ricompense di

cui alla legge suddetta.

10. Le medaglie al valor civile vengono conferite con decreto Presidenziale

su proposta del Ministro per l'interno.

L'attestato di pubblica benemerenza è concesso dal Ministro per l'interno.

11. Non possono conseguire ricompense al valor civile e, avendole

conseguite, le perdono di diritto coloro che siano incorsi nell'interdizione

perpetua dai pubblici uffici, salvo il caso di riabilitazione.

Coloro che siano incorsi nell'interdizione temporanea dai pubblici uffici

non possono, durante il tempo della interdizione, conseguire le ricompense

predette né, avendole conseguite, possono fregiarsene.

12. La insegna ed il brevetto della medaglia al valore civile, concessa alla

memoria, sono attribuiti in proprietà al coniuge superstite nei confronti

del quale non sia stata pronunciata, per sua colpa, sentenza di separazione

e purché conservi lo stato vedovile.

In mancanza del coniuge, l'insegna ed il brevetto sono attribuiti al

maggiore dei figli; in mancanza dei figli, al padre; in mancanza dei figli e

del padre, alla madre; in mancanza di tutti i predetti congiunti, al

maggiore dei fratelli o, se manchino anche i fratelli, alla maggiore delle

sorelle. In tutti gli altri casi, l'insegna ed il brevetto del deceduto sono

attribuiti al Comune di nascita ovvero al Corpo cui egli eventualmente

apparteneva al momento in cui compi l'atto coraggioso.

Per ottenere l'assegnazione delle insegne e dei brevetti delle ricompense al

valor civile concesse alla memoria e, avendole conseguite, per fregiarsene,

è necessario essere di buona condotta morale e civile.

In caso di morte della persona alla quale furono attribuite in proprietà le

insegne ed i brevetti delle ricompense concesse alla memoria, i passaggi di

proprietà delle insegne e dei brevetti medesimi sono regolati dalle comuni

disposizioni di legge sulle successioni.

Tali disposizioni si applicano anche nel caso di morte del decorato che sia

già in possesso dell'insegna e del brevetto.

13. Il Governo è autorizzato ad emanare le norme occorrenti per l'attuazione

della presente legge (2).

Essa sostituisce ed abroga tutte le disposizioni sinora in vigore in materia

di concessione di ricompense al valor civile.

Ecco l'altra citata:

L. 20 giugno 1956, n. 658 (1)

Istituzione di una ricompensa al merito civile.

1. È istituita una ricompensa al merito civile, intesa a premiare le

persone, gli Enti e i Corpi che si siano prodigati, con eccezionale senso di

abnegazione, nell'alleviare le altrui sofferenze o, comunque, nel soccorrere

chi si trovi in stato di bisogno.

2. La ricompensa consiste in una medaglia d'oro o d'argento o di bronzo o di

un attestato di pubblica benemerenza.

Il grado della ricompensa è determinato in relazione alle circostanze di

tempo e di luogo, nelle quali l'azione è stata compiuta, ed agli effetti

conseguiti (2).

3. Con decreto del Presidente della Repubblica, da adottarsi su proposta del

Ministro per l'interno, di concerto con quello per il tesoro, previo parere

del Consiglio di Stato e sentito il Consiglio dei Ministri, saranno

stabilite le norme occorrenti per la esecuzione della presente legge (3).

4. Le medaglie al merito civile sono conferite con decreto presidenziale su

proposta del Ministero dell'interno, sentita la Commissione competente per

la concessione delle ricompense al valor civile di cui all'articolo 7 della

legge 2 gennaio 1958, n. 13.

L'attestato di pubblica benemerenza è concesso dal Ministro per l'interno,

sempre sentito il parere della Commissione di cui al precedente comma.

Per la concessione di dette ricompense agli appartenenti alle Forze armate o

ai Corpi militarizzati occorre l'assenso dell'autorità da cui gli

interessati dipendono (4).

5. In casi straordinari la ricompensa può essere conferita dal Presidente

della Repubblica di propria iniziativa, senza l'osservanza della procedura

stabilita nell'articolo precedente.

6. La medaglia con il relativo brevetto firmato dal Ministro per l'interno

viene di norma consegnata in occasione di solenni ricorrenze.

Dell'avvenuto conferimento della ricompensa è data notizia nella Gazzetta

Ufficiale.

7. Alla spesa derivante dall'applicazione della presente legge sarà fatto

fronte coi fondi stanziati nel capitolo n. 31 dello stato di previsione

della spesa del Ministero dell'interno per l'esercizio finanziario 1954-55 e

capitoli corrispondenti degli esercizi successivi.

Come avete potuto osservare vi hanno trafilato una fregatura!.

Ci vorrebbe una bella dimostrazione al quirinale poi coi tempi delle

elezioni non si sa mai!

Cordialmente

G. A.

Nota:
Grazie per il sostegno,anche alcuni giuristi presenti in mezzo a noi ci avevano confortato con un simile parere. Non ci hanno ancora trafilato una fregatura perchè la battaglia è all'inizio e l'esito incerto: la storia però insegna che i cittadini quando sono incazzati danno molto filo da torcere.

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl