Un Ricordo di L.Ron Hubbard

English article on bottom page RICORDO DI L. RON HUBBARD del dottor Giuseppe Gulino, con una nota della moglie Clelia Una sera di qualche anno fa un amico, parente di miei conoscenti, mi invitò a cena perché doveva parlarmi della sua salute.

Persone Benitez's, William Benitez, Clelia Maschio, Sergio Bambaren Dedico, Antonio Grazie, Clelia Una, Giuseppe Gulino, Ron Hubbard Library, Ron Hubbard, August
Luoghi Los Angeles, Arizona
Organizzazioni Better Living and Education International, Scientology
Argomenti medicina

13/mar/2012 16.46.32 comunita-droga.org Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Narconon Logo
English article on bottom page

LRH

RICORDO DI L. RON HUBBARD
del dottor Giuseppe Gulino, con una nota della moglie Clelia

Una sera di qualche anno fa un amico, parente di miei conoscenti, mi invitò a cena perché doveva parlarmi della sua salute.

Era un ragazzo, oggi un uomo, che aveva lottato con la vita scegliendo un arma impropria e devastante come la droga nella convinzione che, distorcendo illusoriamente la realtà con sostanze che agivano sulla sfera cognitiva ed emozionale, si riuscisse a sopportare meglio le prove che la vita di tutti i giorni ti chiedeva e ti chiede di affrontare.

Mi parlò dei suoi parametri ematochimici che risultavano ancora fuori norma per effetto di lunghi anni di uso ed abuso di sostanze dopanti.

Soprattutto, però, mi parlò, con fierezza e convinzione, del programma riabilitativo e pedagogico che aveva frequentato e grazie al quale era riuscito ad uscire dalla lunga notte della sua vita.

Io medico chirurgo, epidemiologo per quanto riguarda la specialità ed uomo di Sanità Pubblica, mostrai inizialmente un critico scetticismo ed al tempo stesso una stimolante curiosità. Gli dissi di farmi capire bene quale fosse il percorso che aveva intrapreso e come io potessi approfondirne la conoscenza. Mi disse che si trattava di un programma di disintossicazione da sostanze il cui nucleo centrale era rappresentato da un percorso di riabilitazione dell'essere umano attraverso una linea pedagogica che aveva ed ha come tracciante l'etica comportamentale. Tale approccio riabilitativo dell'individuo si chiama Programma Narconon.

Un epidemiologo, oltre ad essere un medico, è fondamentalmente un "curioso" ed un cultore della ricerca sociologica dal momento che identifica il vero concetto di salute non tanto nell'assenza della malattia, ma in uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale dell'individuo. Chiesi ed ottenni di poter studiare la metodologia Narconon.

Non a caso uso il termine "metodologia" perché ben presto mi resi conto che si trattava di un percorso costruito secondo una precisa metodologia di ricerca sociale e spirituale basata sulle linee di indirizzi della filosofia di L. Ron Hubbard, che nulla aveva ed ha da invidiare ai percorsi metodologici della pedagogia riabilitativa e comportamentale, riconosciuti dalla scienza ufficiale ed istituzionale. Con in più, o meglio con un elemento o stella polare continuamente richiamato: l'etica. Etica, da un lato nella direzione della legge, verso l'identificazione di un livello di valori e di norme che una persona deve rispettare in quanto membro di una comunità; dall'altro verso l'identificazione di un soggetto morale comunque non vincolato alle circostanze ed alle esperienze di tutti i giorni, vale a dire "a prescindere". Quindi l'uomo come il vero soggetto della responsabilità morale e del valore morale, indipendentemente dalle vicende, dalle avventure o dalle sventure dell'interazione sociale.

Grazie Antonio, graduato Narconon.

Questo riconosco e per questo ringrazio L. Ron Hubbard.

Giuseppe Gulino


"....Le persone non sono morte quando giacciono nella tomba, ma quando rinunciano ai loro sogni"
Dalla "Vela bianca" di Sergio Bambaren

Dedico quetsa frase a L. Ron Hubbard che continua a vivere nella vita degli individui che frequentano i centri Narconon e che hanno affidato il "loro sogno" di una vita nuova ed etica al percorso pedagogico Narconon, basato sulla sua filosofia.

Clelia Maschio



SE CONOSCI QUALCUNO CHE HA UN PROBLEMA DI DROGA O ALCOL C'È QUALCOSA CHE PUOI FARE SUBITO
CHIAMA 02 3658 9162
IL PROGRAMMA NARCONON FUNZIONA


Narconon è un programma di riabilitazione che non utilizza droghe alternative, farmaci o sostanze che alterano la mente, nel processo della riabilitazione. È un programma di studio (educativo) per la riabilitazione di chi ha abusato di droghe o alcol basato sulle ricerche e le scoperte dell'educatore L. Ron Hubbard.

Le informazioni contenute in questo messaggio sono riservate e confidenziali ed è vietata la diffusione in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona a cui il presente messaggio è destinato, La invito ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Per qualsiasi informazione si prega di informarci all'indirizzo e-mail: cancella@narcononsudeuropa.org
(D. Lgs. n. 196/2003 -Testo Unico Privacy).

TO UNSUBSCRIBE
cancella@narcononsudeuropa.org



Narconon International
The year 1966 was the year the ground was broken for the Narconon program. This was the year that William Benitez, an inmate in the Arizona State Prison system, first delivered drug rehabilitation services under the banner of Narconon.

While still a young man, Mr. Benitez had already spent many years in prison as a result of a heroin addiction. Time after time, his inability to shake the drug habit landed him in jail. But despite every temptation to give up, he still held onto the hope that somehow he would find a way to live clean and sober.

In 1965, while he was still in prison with many more years to go on his sentence, Mr. Benitez found the basic material that would enable him to beat his addiction. Much more than that, it was the material that would enable him to found a drug rehabilitation system that would help other addicts kick their habits and would eventually extend around the world.

It started when he came across a slim volume titled Scientology: The Fundamentals of Thought by American author and humanitarian L. Ron Hubbard. The simple basics in this book changed his way of thinking. As he studied the book over and over again, he realized he was no longer thinking or acting like an addict. He determined that he would use this new understanding to help other addicts recover from their addictions.

While he made this decision in August of 1965, it took until February 1966 for him to convince prison officials to allow him to run a rehabilitation service inside the prison walls. In those days, this kind of activity was a complete novelty. His persistence paid off, and he finally got permission to offer classes in what he had learned to the other inmates in the prison who had also struggled with addiction.

He had put those months of waiting to good use. He had started up a correspondence with the author of the book, L. Ron Hubbard, who wrote back with his complete support of Mr. Benitez's intentions. Mr. Benitez got his hands on more books by Mr. Hubbard and found that they also enhanced his ability to stay sober himself, and help others achieve sobriety. With a small library of purchased and donated books, on February 19, 1966, Mr. Benitez began to teach other addicts that their addiction was nothing more than a disability that they could apply themselves to overcoming.

He later stated, "I found that if a person rehabilitated and applied certain abilities, that person could persevere toward goals set, confront life, isolate problems and resolve them, communicate with life, be responsible and set ethical standards, and function within the band of certainty." From these humble beginnings, Mr. Benitez expanded his new Narconon program to provide service to more addicted inmates and then inmates who were not addicted but wanted help living better lives.

When he was released from prison in 1967, he traveled to Los Angeles to found a rehabilitation program that was available to anyone. One after another, the hopelessly addicted began to stream through the doors, finding lasting recovery for the first time. Gradually these grateful people enabled Narconon to grow into an international rehabilitation and educational institution.


Copyright © 2012 Narconon Sud Europa. Narconon e il logo Narconon jumping man sono marchi d' impresa e di servizio di proprietà dell' Association for Better Living and Education International (ABLE) e sono usati con il suo permesso. Si ringrazia la L. Ron Hubbard Library per avere concesso la riproduzione di materiale protetto da copyright.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl