Comunicato stampa: Acqua: ricominciamo da Clini!

Comunicato stampa: Acqua: ricominciamo da Clini!.

Persone Romano Acqua Pubblica, Danilo Lollobrigida, Clini
Luoghi Val di Susa
Organizzazioni ministero dell'ambiente
Argomenti politica, diritto, ministeri

23/mar/2012 10.00.24 Ufficio stampa Alternativa: Rodolfo Monacelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
«Alternativa sostiene le azioni del movimento per l’acqua», ha
dichiarato Danilo Lollobrigida, segretario politico di Alternativa «e
intensificherà il proprio appoggio a tutti i comitati che s’impegnino
perché venga rispettata la volontà popolare espressa con i referendum
del giugno scorso su acqua e nucleare. In particolare, ora è necessario
che la campagna per l’obbedienza civile diventi pratica diffusa».

Ieri, giovedì 23 marzo 2012, in occasione della Giornata Mondiale
dell’Acqua, il Coordinamento Romano Acqua Pubblica ha dato via a
un’occupazione pacifica del Ministero dell’Ambiente, la seconda nel solo
mese di marzo, per riuscire ad avere un confronto con il Ministro Clini
riguardo al finanziamento del servizio idrico e l’attuazione degli esiti
referendari, così come promesso dal Ministro durante l’incontro del 23
Febbraio, che non hanno però avuto alcun seguito. «Sono passati oltre
otto mesi dai referendum del 12 e 13 giugno 2011», come ha dichiarato
una nota del Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua «e ad oggi le
Autorità d’ambito territoriale ottimale e tutti i gestori del servizio
idrico integrato ne hanno ignorato l’esito».

Alternativa esprime solidarietà al Coordinamento Romano Acqua Pubblica,
costretto a iniziative così spettacolari, rischiando denunce e
ripercussioni legali, soltanto per richiedere di essere ricevuti da un
Ministro e per vedere riconosciuta l’applicazione del risultato di un
referendum votato da milioni di cittadini e denuncia l’ennesima prova di
arroganza di questo governo “tecnico”, che danno seguito alla
militarizzazione della Val di Susa e all’attacco al mondo del lavoro,
all’art.18, ai diritti garantiti dalla nostra Costituzione.

Alternativa, inoltre ha sostenuto il segretario politico Danilo
Lollobrigida, appoggia la campagna per l’obbedienza civile che prevede
che ogni cittadino applichi uno dei risultati dei referendum, ovvero che
non paghi quel 7% minimo di valorizzazione del capitale investito che è
presente nelle nostre bollette.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl