ASTENSINISMO: RAGGIUNGERE IL 35%

ASTENSINISMO: RAGGIUNGERE IL 35%La ragione pratica per cui, quando il potere si trova nelle mani del popolo, si consente ad una maggioranza di governare anche per un lungo periodo, non è perché la maggioranza ha più probabilità di avere ragione, né perché ciò appare alla minoranza come la situazione più giusta, ma perché coloro in maggioranza sono materialmente i più forti.

12/mar/2006 14.21.47 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La ragione pratica per cui, quando il potere si trova nelle mani del popolo, si consente ad una maggioranza di governare anche per un lungo periodo, non è perché la maggioranza ha più probabilità di avere ragione, né perché ciò appare alla minoranza come la situazione più giusta, ma perché coloro in maggioranza sono materialmente i più forti . Ma un governo in cui la maggioranza comanda in tutti i casi non può basarsi sulla giustizia, persino nel senso comune del termine. Non potrebbe esistere un governo in cui le maggioranze non decidono su ciò che è giusto e sbagliato - ma la coscienza, in cui le maggioranze deliberano solo su quei problemi per il quali è applicabile la regola della convenienza? Deve forse il cittadino rinunciare per un momento, o anche in minima parte, alla sua coscienza a vantaggio del legislatore? Perché allora ogni uomo ha una coscienza? Io penso che dovremmo essere innanzitutto uomini e poi sudditi. Non è desiderabile coltivare il rispetto per la legge, quanto quello per la giustizia. Il solo dovere che ho il diritto di praticare è di compiere in ogni occasione ciò che ritengo giusto. Si è abbastanza nel vero quando si dice che un gruppo non ha coscienza; ma un gruppo composto da persone rispettose degli altri è un gruppo con una coscienza. La legge non ha mai reso la gente più giusta nemmeno di un millesimo; anzi, attraverso l’osservanza della legge, persino individui disposti al bene sono resi quotidianamente agenti di ingiustizia.
Henry David Thoreau

Nota:
Quanto accaduto tra Berlusconi ed Annunziata fa parte di una sceneggiata già vista altre volte, che mira a far convergere l'attenzione dei cittadini sulle ragioni di destra o di sinistra per mettere in secondo piano i problemi reali che in questo momento stanno affossando il nostro Paese dove la Giustizia è stata distrutta, La Costituzione sconquassata, l'Economia monopolizzata ed alcuni gruppi di potere realmente forti si accingono a gestire un Paese dove sempre più la distribuzione della ricchezza prodotta è in loro mano in quanto detentori di strumenti di pressione formidabili. Il gioco destra-sinistra,in cui sono coinvolte in un processo dialettico disomogeneo forze dalla natura storica così diversa,non può che portare ad uno sfascio sempre più grande che vedrà un solo perdente: il Popolo Italiano. Come si vede, l'attualità di Thoreau diviene sempre più evidente e la paura che in tanti in Italia stiano cominciando a comprendere l'importanza di riformare le strutture dei partiti che ormai sono divenute congregazioni separate dalla realtà del Paese attraverso l'astensione dal voto, è oggetto dell'attenzione quotidiana della classe politica. L'astensione del 35% dei cittadini elettori delle varie tendenze alle prossime elezioni creerebbe uno sconquasso tale da determinare profondi cambiamenti nei partiti e nell'intera società italiana.

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl