PISTACCHIO: UN PRODOTTO DA DIFENDERE IN QUANTO TIPICO DELL' AGRICOLTURA SICILIANA

14/mar/2006 12.14.11 Movimento per l'Indipendenza della Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
FRUNTI NAZZIUNALI SICILIANU "SICILIA INDIPINNENTI"
FRONTE NAZIONALE SICILIANO "SICILIA INDIPENDENTE"

-Sikritarìa Nazziunali-


Kumunikatu Stampa

PISTACCHIO: UN PRODOTTO DA DIFENDERE IN QUANTO TIPICO DELL' AGRICOLTURA SICILIANA

«Gli Indipendentisti di lu Frunti Nazziunali Sicilianu esprimono apprezzamento per la campagna pubblicitaria e di informazione, che recentemente i Coltivatori Siciliani di PISTACCHIO (quelli di BRONTE in testa) hanno intrapreso per promuovere sui mercati il loro prodotto».

Ha dichiarato `u Sikritariu del Partito, Giuseppe SCIANÒ, che ha evidenziato come non siano - così - mancate, per i Consumatori, le indicazioni sul miglior modo di utilizzare questo frutto nella gastronomia, nella pasticceria e persino nella gelateria di alto livello. E fortemente caratterizzate.

«Per l'occasione non sono mancate le informazioni sulle cosiddette VIRTÙ SALUTISTICHE di questo prodotto, che, da più di un millennio, è tipico dell'Agricoltura Siciliana. Insomma: si è resa - così facendo - anche giustizia a quella antica, vivace (e ricca di insegnamenti propri della cultura popolare) TRADIZIONE AGRICOLA tipicamente siciliana, che partiti e classe politica, soprattutto nell'ultimo mezzo secolo, avrebbero voluto assassinare e frettolosamente seppellire per meglio OMOLOGARSI ai modelli ed alle direttive industriali e commerciali continentali, estranei alla Sicilia. Ed ai suoi interessi.»

Ha puntualizzato `u Sikritariu FNS che ha così proseguito:
«Per quanto riguarda l'impegno specifico della Città di BRONTE, siamo certi che il "riconoscimento" da parte dell'UNIONE EUROPEA della Denominazione di Origine Protetta (DOP) darà a questo prodotto, che è un vero e proprio "tesoro" naturale, ulteriori, qualificate credenziali ed una maggiore visibilità.
Ciò detto, auspichiamo l'adozione di analoghe iniziative da parte degli Agricoltori delle altre Province siciliane, dove le antiche, tradizionali, colture del pistacchio sono state, se non abbandonate,certamente trascurate. E dove tuttavia si sono realizzate spontaneamente alcune varianti altrettanto apprezzabili. Le quali, ovviamente, nulla possono togliere alla "identità" e al primato del prodotto di Bronte che cresce su fondi ricavati talvolta sulle SCIARE della lava dell'ETNA».
Vorremmo infatti ricordare a noi stessi, innanzi tutto, ed alle Istituzioni, agli Operatori Agricoli e Commerciali e a tutti coloro che svolgono ruoli istituzionali che la riaffermazione della "tipicità" del prodotto SICILIANO in quanto tale, potrà - fra l'altro - essere l'unica arma vincente nei confronti della INVASIONE di pistacchi provenienti dai Paesi Asiatici (dall'IRAN e dalla TURCHIA, soprattutto ), a prezzi inferiori e senza troppe pretese di qualità ...
L'accentuazione della Sicilianità dei nostri prodotti diventa pertanto, uno strumento di commercializzazione, oltre che opportuno, necessario. Ed i nostri molteplici prodotti sul mercato internazionale si aiuteranno a vicenda e sfonderanno tutti assieme se i loro promotori avranno l'accortezza e la capacità di valorizzare -essi stessi per primi, - la identica "matrice" siciliana».

«In questo contesto ci permettiamo di suggerire che il pistacchio siciliano, nelle iniziative pubblicitarie e nella commercializzazione, venga indicato ANCHE con l'antico termine, ancora molto in voga fra i nostri Contadini, di "FASTUCA". Che, com'è noto, proviene dall'arabo FUSTUQ e che letteralmente significa "PIANTA" per antonomasia».

Ha ancora detto SCIANÒ, che ha concluso il proprio intervento affermando:
«Una parola in Lingua Siciliana ... non guasta mai. Anzi spiegherebbe meglio i contenuti ed il valore della offerta pubblicitaria. E alzerebbe il tono della comunicazione commerciale».

Palermu, 14 marzo 2006

L'Addetto Stampa (Giovanni Basile)


FRUNTI NAZZIUNALI SICILIANU "Sicilia Indipinnenti"
FRONTE NAZIONALE SICILIANO "Sicilia Indipendente"
Via Brunetto Latini, 26 - 90141 Palermo
tel&fax (+39) 091329456

Internet: www.fns.it / e-mail: fns@fns.it
Ufficio Stampa: www.siciliaindipendente.org / e-mail: siciliaindipinnenti@gmail.com

"CUMITATU CITATI 'I CATANIA"
"Comitato Città di Catania"
www.fnscatania.tk
(with english introduction and multilanguage translator)
www.nonfartifregare.tk
fnscatania@gmail.com
tel (+39) 1786012222 fax (+39) 1782211303
Skype id: nicheja

"CUMITATU CITATI 'I GIRGENTI"
fnsgirgenti@gmail.com

"CUMITATU MISSINISI"
fnsmissinisi@gmail.com

"CUMITATU NISSENU"
fnsnissenu@gmail.com

«Noi vogliamo difendere e diffondere un'idea della cui santità e giustizia siamo profondamente convinti e che fatalmente ed ineluttabilmente trionferà».

Andrea Finocchiaro Aprile, 1944





AVVERTENZA
I Comunicati informativi e/o stampa  del "Frunti Nazziunali Sicilianu" rispettano le norme sulla privacy del Decreto Legislativo 196/giugno 2003. Essi non rappresentano spam ma informazione politica, culturale ed economica su argomenti di attualità e riflessione aventi ad oggetto la Sicilia ed i Siciliani. Sono inviati a coloro il cui indirizzo è stato segnalato dagli utenti stessi, da conoscenti, dalla Stampa o da elenchi resi pubblici. NON HANNO ALCUN SCOPO DI LUCRO. Chiunque collegato intendesse inviare informazioni, documentazioni, lo può fare, come anche fare inserire un nuovo indirizzo e-mail di un conoscente invitando l'interessato a mandare un messaggio a " siciliaindipinnenti@gmail..com".  Lo stesso procedimento, vale a dire l'invio di una e-mail al sopraindicato indirizzo vale per chi volesse essere cancellato dalla mailing list ai sensi del succitato Decreto Legislativo. Accettiamo di buon grado sia consigli che suggerimenti e/o sproni.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl