MENTRE BERLUSCONI E PRODI CAZZEGGIANO LE FERROVIE CROLLANO.

15/mar/2006 02.50.12 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MENTRE BERLUSCONI E PRODI CAZZEGGIANO IN TV,LE FERROVIE CI PROCURANO UN NUOVO DISASTRO PERCHE' LE PAROLE CONTINUANO AD ESSERE VUOTE E NON PRODUCONO PIU' ALCUN EFFETTO SUI CITTADINI DA TEMPO STUFI DI QUESTA CLASSE POLITICA INCAPACE E COMPROMESSA.
GARBAGNATE (Milano)-Uno scambio che non ha funzionato, forse. Forse un semaforo non visto. Poi, l’impatto: due treni, sia pure su binari diversi, si sono scontrati intorno alle 21 di ieri sera a poco meno di un chilometro a sud della stazione di Garbagnate, nell’hinterland milanese. Nella collisione ha perso la vita Giuseppe Girola, classe 1965, nato a Tradate ma residente a Turate, in provincia di Como. Guidava l’«Omnibus», il treno locale delle Ferrovie Nord partito da Milano alla volta di Saronno alle 20 e 32. I soccorritori lo hanno trovato fuori dal locomotore, sbalzato dalla violenza dell’impatto. Non sposato, i carabinieri hanno avvertito l’anziana madre. Ricoverato in serie condizioni - ma non in pericolo di vita - anche il macchinista del Malpensa express, la navetta ferroviaria che era partita alle 20.23 dallo scalo varesino. A conclusione delle operazioni, il responsabile della Croce rossa parlava di quattro «codici gialli», passeggeri feriti in modo rilevante, e nove codici» verdi, persone le cui condizioni non destano alcuna preoccupazione. Sono stati divisi tra gli ospedali Sacco e Niguarda di Milano e i nosocomi di Rho e Garbagnate. Altre persone sono state condotte nella sede della protezione civile di Garbagnate.

Due ore dopo l’incidente, si diffonde l’allarme: un altro corpo sarebbe schiacciato sotto il locomotore del Malpensa express. Una notizia che si è presto rivelata infondata. I primi soccorsi sono stati prestati da Rocco Mulè, un autista di pullman che aveva appena finito il servizio, e il controllore del Malpensa express, che hanno aiutato i passeggeri ad uscire dalla sommità delle prime carrozze ribaltate. Difficile capire le cause dell’incidente, avvenuto in una zona fittissima di scambi. Di certo, entrambi i convogli in seguito all’urto sono deragliati dai binari. L’Omnibus - una quarantina i passeggeri - stava per entrare nella stazione di Garbagnate: probabilmente stava già rallentando, e ha concluso la sua corsa quasi subito. Più lunga la corsa incontrollata del Malpensa express, che ha proseguito per un certo tratto: i primi due vagoni si sono rovesciati, il terzo si è soltanto inclinato.

Sul luogo dell’incidente sono arrivati il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, e quello della Regione, Roberto Formigoni. Durissima la reazione del Carroccio, per bocca del senatore Luigi Peruzzotti ha chiesto le «dimissioni immediate dei vertici delle Ferrovie Nord» e che «subito dopo si accertino le responsabilità di questa sciagura. Quello che temevo è avvenuto: linee ferroviarie da terzo mondo nella regione più ricca d’Italia». Tutta le rete delle Ferrovie Nord, con l’eccezione del tronco per Asso, oggi sarà bloccata. Lo annuncia una nota delle Ferrovie Nord: «L’operazione di sgombero della linea Milano-Saronno si protrarrà per tutta la giornata di domani (oggi). Di conseguenza le linee Milano-Como, Milano-Saronno, Milano-Varese-Laveno, Milano-Novara e Milano-Malpensa saranno interrotte».
www.corriere.it 15/03/06 Laura Guardini
Annachiara Sacchi

Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea






blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl