LA SOLIDARIETÀ PROTAGONISTA A DECOLLATURA.

15/mag/2012 16.12.41 domenico trapasso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“l’unica maniera per realizzare i propri sogni è svegliarsi”,   l’aforisma di Roberto Benigni  è stato citato da Paolo Abramo per  incitare la Cooperativa    “L’Arco”  a continuare a sviluppare il  progetto “Benessere in fattoria”

 Decollatura 13 maggio 2012- Nella sala del consiglio Comunale di Decollatura, al gruppo dei Volontari della Protezione Civile, ai Carabinieri, al Corpo Forestale dello Stato e al decano dei volontari di Decollatura sono stati consegnati degli attestati a testimonianza del loro impegno civile ed istituzionale sul territorio.

A dare i riconoscimenti, tra gli applausi del pubblico, il Prefetto di Catanzaro, Antonio Reppucci, il  Sindaco di Decollatura, Anna Maria Cardamone, il  sindaco di Conflenti, Giovanni Paola, l’on. Doris Lo Moro, il Presidente della Camera di Commercio di Catanzaro Paolo Abramo, i Consiglieri Regionali Antonio Scalzo e Mario Magno.

 Momento centrale della giornata è stato l’evento organizzato della Cooperativa Sociale L’Arco  per presentare i progressi di  “Benessere in Fattoria”,  il  progetto sviluppato in favore di soggetti con disabilità.

 '' Il progetto ' Benessere in Fattoria', elaborato dalla Cooperativa L' Arco e finanziato dalle Politiche Sociali della Regione Calabria– afferma Aurora Mastrandrea, Presidente della Cooperativa - e' finalizzato alla riabilitazione socio-lavorativa dei disabili psichici mediante attivita' didattiche accompagnate da iniziative operative, lezioni tecniche di agricoltura, in modo da incoraggiare concrete possibilita' di avvio al lavoro, anche con il coinvolgimento di aziende agricole gia' operanti nel settore''.

“ Piuttosto che di Agricoltura Sociale preferisco parlare di Agricoltura Civile, perché il primo aggettivo può indurre a pensare a pratiche assistenzialistiche mentre invece nel secondo caso si mette in evidenza un settore di attività nel quale i valori della inclusività  eliminano le diversità” ha detto  Alfonso Pascale in rappresentanza  della Rete  Nazionale delle Fattorie Sociali, in un intervento condiviso dal  Presidente Nazionale ACLI Terra Michele Zannini.

Una rievocazione del passato personale, venata di nostalgia e di innata  ironia,  è stata al  centro dell’intervento del Prefetto di Catanzaro , Antonio Reppucci, che    non ha mancato di fare riferimento  al periodo di crisi che sta attraversando l’intero Paese, i cui segni sono più profondi e visibili nelle zone endemicamente deboli.

Presenti, i rappresentanti di Coldiretti, Pietro Sirianni, di Confesercenti,  nonché membro della giunta della Camera di Commercio di Catanzaro, Francesco Viapiana,  e il Direttore CSM del Reventino Antonio Lucchino.

La  manifestazione si è conclusa nella struttura della Fattoria Sociale, in località Adami, con una degustazione di frutti della terra tipici del Reventino ,  trasformati da Aziende locali  che con il loro apporto  hanno contribuito allo sviluppo del progetto.

L’impegno di queste aziende è stato  lodato da  Aurora Mastrandrea, Presidente della Cooperativa L’Arco,  insieme al Sindaco  di Decollatura, Anna Maria Cardamone,  che sul  punto hanno richiamato la  necessità di costituire e sviluppare nel  territorio del Reventino una rete sociale”  che aiuti e  sostenga tutte le iniziative in favore dei soggetti deboli.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl