[News]Gli ultimi a saperlo

Negata, rifiutata, nascosta, voluta o sconosciuta che sia, l'ignoranza delle sostanze tossiche, dei loro effetti e delle loro manifestazioni consente a milioni di giovanissimi di nascondere all'aiuto di genitori ed insegnanti una condizione che mette in pericolo la loro salute, il loro benessere, la loro vita stessa.E poiché ogni giorno la diffusione delle sostanze tossiche aumenta, mentre l'età del primo approccio diminuisce, il giorno giusto per cominciare ad informarsi ed a parlare a tuo figlio di droga è oggi.Da quarant'anni, il programma Narconon aiuta efficacemente genitori ed insegnanti proprio in questo compito vitale.SE CONOSCI QUALCUNO CHE HA UN PROBLEMA DI DROGA O ALCOL C'È QUALCOSA CHE PUOI FARE SUBITO.

30/mar/2006 01.53.10 comunita-droga.org Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gli ultimi a saperlo


“...mia figlia non ha mai usato droghe...come può essere morta di overdose...?! ...siete proprio sicuri che sia lei...?”.

La scorsa settimana, nell’ospedale di una grande città del nord, un genitore disperato negava persino l’evidenza della morte, di fronte a ciò che non voleva credere. Non è un episodio isolato, ma tanto tragico quanto frequente, visto che l’uso di sostanze tossiche è la prima causa di morte, invalidità permanente e malattia nei giovani dai 14 ai 34 anni, in Italia, secondo l’Istituto Superiore della Sanità.

Allora com’è che molti genitori riescono a non vedere per anni interi la condizione di tossicodipendenza dei propri figli, magari fino al giorno in cui la vita li mette di fronte ad un episodio crudele ed inaccettabile, ma terribilmente reale: una malattia, un incidente, un crimine efferato, un arresto?

Perché, così spesso, sono proprio i genitori gli ultimi a sapere di un dramma che si svolge quotidianamente sotto i loro occhi? La risposta è evidente: troppo spesso i genitori non conoscono davvero la droga, non conoscono i suoi effetti ed ignorano le sue manifestazioni visibili.

Alcuni di loro rifiutano a priori questa conoscenza pensando, forse, che la droga sia così terribile da non dover essere neppure nominata. Altri pensano che i propri figli siano geneticamente al riparo da questo flagello, per il fatto stesso d’essere loro figli. Altri ancora, magari, ritengono che un atteggiamento liberale verso droghe e alcol sia l’approccio educativo più efficace, mentre alcuni non ne vogliono sapere poiché sono, loro stessi, vittime di droga o alcol.

Negata, rifiutata, nascosta, voluta o sconosciuta che sia, l’ignoranza delle sostanze tossiche, dei loro effetti e delle loro manifestazioni consente a milioni di giovanissimi di nascondere all’aiuto di genitori ed insegnanti una condizione che mette in pericolo la loro salute, il loro benessere, la loro vita stessa.

E poiché ogni giorno la diffusione delle sostanze tossiche aumenta, mentre l’età del primo approccio diminuisce, il giorno giusto per cominciare ad informarsi ed a parlare a tuo figlio di droga è oggi.

Da quarant’anni, il programma Narconon aiuta efficacemente genitori ed insegnanti proprio in questo compito vitale.


SE CONOSCI QUALCUNO CHE HA UN PROBLEMA DI DROGA O ALCOL C’È QUALCOSA CHE PUOI FARE SUBITO.

CHIAMA 02 - 2851 0138

IL PROGRAMMA NARCONON FUNZIONA.


Narconon è un programma di riabilitazione che non utilizza droghe alternative, farmaci o sostanze che alterano la mente, nel processo della riabilitazione. È un programma di studio (educativo) per la riabilitazione di chi ha abusato di droghe o alcol basato sulle ricerche e le scoperte dell’educatore L. Ron Hubbard.


Opera inedita. Copyright © 2006 dell'Associazione per un Futuro Migliore.

Tutti i diritti riservati. NARCONON® e il logo NARCONON Jumping Man sono marchi d'impresa e di servizio di proprietà dell'Association for Better Living and Education International (ABLE) e sono usati con il suo permesso.

TUTELA DELLA PRIVACY

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. In ottemperanza dell'Art.13 del D.Lgs. n.196/2003, per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse, è possibile evitare qualsiasi ulteriore contatto rispondendo a questa stessa e-mail, con "Cancella" come oggetto del messaggio oppure cliccando qui.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl