COME COMABTTERE LE DROGHE IN PIAZZA

Martedì 5 giugno il gruppo del "Dico no alla droga" di Verona ha distribuito 500 opuscoli in piazza Brà a Verona.

Persone Luca Bernardi, Joan
Luoghi Verona
Argomenti commercio, chimica, lavoro, editoria

06/giu/2012 21.54.51 Alessandro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Martedì 5 giugno il gruppo del “Dico no alla droga” di Verona ha distribuito 500 opuscoli in piazza Brà a Verona. Erano 4 i volontari che dalle ore 20 della sera hanno contattato ragazzi per mettere nelle loro mani gli opuscoli intitolati “La verità sulle droghe”.
L’opuscolo è stato creato perché ogni anno milioni di vite vengono distrutte da alcuni tipi di droghe. L’aspetto più preoccupante del problema è il danno creato ai giovani e la minaccia che cio’ rappresenta per il futuro di ogni nazione. Dato che il numero di giovani che cominciano a far uso di droga aumenta sempre più, è vitale fornire informazioni utili sui pericoli che essa rappresenta.
Riportiamo qui di seguito una testimonianza che possiamo trovare nell’opuscolo: “Il mio scopo nella vita non era vivere ….era di farmi una dose. Stavo scivolando in una spirale discendente verso un punto di non ritorno. Nell’arco degli anni ho fatto uso di cocaina, di marijuana e di alcolici, con la falsa convinzione che mi avrebbero permesso di sfuggire ai problemi. Invece non hanno fatto che peggiorare la situazione. Avevo tutto, un buon lavoro, soldi, una famiglia che mi voleva bene, tuttavia mi sentivo vuoto dentro. Come se non avessi niente. Per più di vent’anni ho continuato a ripetermi: “smetterò definitivamente … questa è l’ultima volta!”. Non è mai successo. Ci sono stati persino dei momenti in cui ho pensato di arrendermi.” –John.
Come questa testimonianza nell’opuscolo si possono trovare molte altre e che danno risalto a quello che le droghe causano.
Il “Dico no alla droga” di Verona ci tiene veramente affinchè l’opuscolo raggiunga molte mani e tolga ai giovani la voglia di “sballarsi”.
Luca Bernardi, incaricato del gruppo, ci tiene a far sapere che il messaggio che si vuole trasmettere è: "Le droghe privano la vita dalle gioie e dalle sensazioni, che sono comunque l'unica ragione di vivere"

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl