[News]La sindrome del conflitto

[News]La sindrome del conflittoLa Sindrome del Conflitto (d'interessi)(English version on bottompage)Steven Sharfstein, Presidente dell'Associazione Psichitrica Americana, lo scorso anno disse ai suoi colleghi: "Se il pubblico ci vede solo come spacciatori di psicofarmaci alle dipendenze dell'industria farmaceutica, la nostra credibilità professionale è compromessa."S

21/apr/2006 07.13.34 comunita-droga.org Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Sindrome del Conflitto (d’interessi)

(English version on bottompage)

Steven Sharfstein, Presidente dell’Associazione Psichitrica Americana, lo scorso anno disse ai suoi colleghi: "Se il pubblico ci vede solo come spacciatori di psicofarmaci alle dipendenze dell’industria farmaceutica, la nostra credibilità professionale è compromessa.”

Sinistra profezia.

Proprio ieri, i media statunitensi hanno pubblicato i dati di uno studio che mostra preoccupanti connessioni tra diverse multinazionali farmaceutiche, psichiatri ed altri scienziati responsabili per la redazione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disordini Mentali dell’Associazione Psichiatrica Americana (DSM). 

In sostanza, lo studio prova che la maggior parte degli scienziati scopritori di nuove "malattie mentali", sono sul libro paga di chi ne produce le "cure".

Considerato la “bibbia internazionale della salute mentale”, il DSM elenca e definisce le cosiddette malattie mentali che la psichiatria afferma di riconoscere ed i criteri in base ai quali etichetta come “malato mentale” chi mostra certi determinati comportamenti, tossicodipendenze incluse.

Il DSM, considerato spesso più uno strumento di marketing farmaceutico che una pubblicazione scientifica, è stato frequente oggetto di sospetti che troverebbero conferma negli studi pubblicati ieri dalla stampa americana.

I link qui sotto portano agli articoli pubblicati ieri da tre dei maggiori quotidiani statunitensi: The New York Times, The Washington Post e USA Today.

• New York Times

• Washington Post

• USA Today

The Conflict (of interest) Syndrome

Steven Sharfstein, president of the American Psychiatric Association, said last year to his colleagues: "If we are seen as mere pill pushers and employees of the pharmaceutical industry, our credibility as a profession is compromised."

Sinister prophecy.

Read the above articles about a study that documents extensive monetary connections between drug companies, psychiatrists and other scientists responsible for the American Psychiatric Association's Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM).

The DSM defines all the mental illnesses recognized by psychiatry, including drug addictions, and outlines the criteria used to determine whether a person is "mentally ill", due of these behaviours. Medical professionals refer to the DSM as the "international bible of mental health."


SE CONOSCI QUALCUNO CHE HA UN PROBLEMA DI DROGA O ALCOL C’È QUALCOSA CHE PUOI FARE SUBITO.

CHIAMA 02 - 2851 0138

IL PROGRAMMA NARCONON FUNZIONA.


Narconon è un programma di riabilitazione che non utilizza droghe alternative, farmaci o sostanze che alterano la mente, nel processo della riabilitazione. È un programma di studio (educativo) per la riabilitazione di chi ha abusato di droghe o alcol basato sulle ricerche e le scoperte dell’educatore L. Ron Hubbard.


Opera inedita. Copyright © 2006 dell'Associazione per un Futuro Migliore.

Tutti i diritti riservati. NARCONON® e il logo NARCONON Jumping Man sono marchi d'impresa e di servizio di proprietà dell'Association for Better Living and Education International (ABLE) e sono usati con il suo permesso.

TUTELA DELLA PRIVACY

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. In ottemperanza dell'Art.13 del D.Lgs. n.196/2003, per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse, è possibile evitare qualsiasi ulteriore contatto rispondendo a questa stessa e-mail, con "Cancella" come oggetto del messaggio oppure cliccando qui.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl