convengno 17.05.06

convengno 17.05.06Nel nostro Paese forte à la preoccupazione e lâ__impegno verso un sistema occupazionale che possa offrire garanzie, certezze e stabilità, ma, al contempo, non ci si può permettere di sacrificare, secondo un inaccettabile ordine di priorità, la qualità e le tutele dei lavoratori occupati, allentando lâ__impegno nella rimozione delle cause di progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro.

Allegati

04/mag/2006 12.23.00 FIBA - CISL Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Nel nostro Paese forte è la preoccupazione e l’impegno verso un sistema
occupazionale che possa offrire garanzie, certezze e stabilità, ma, al
contempo, non ci si può permettere di sacrificare, secondo un
inaccettabile ordine di priorità, la qualità e le tutele dei lavoratori
occupati, allentando l’impegno nella rimozione delle cause di
progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro.
Se il miglioramento quantitativo e qualitativo dell’occupazione devono
essere obiettivi irrinunciabili di una società moderna e democratica, la
tutela e lo sviluppo della qualità del lavoro non possono essere da
questi disgiunte o ridimensionate. Se il lavoro precario oggi è uno
degli anelli deboli del mercato del lavoro e dello sviluppo competitivo
della nostra economia, la non valorizzazione del capitale umano nel
sistema lavoro, sta sempre più indebolendo non solo il sistema
produttivo e la sua capacità competitiva sui mercati globali, ma
complessivamente la società. In questo contesto quale tipo di
responsabilità si deve chiedere al sistema produttivo, quale sensibilità
sociale si deve sviluppare nelle realtà aziendali che se interagiscono
con il mercato globale, non possono essere sono estranee al livello di
interazione locale…..
A fronte di livello medio annuo di incidenti sul lavoro che, nel nostro
Paese, non stenta a confermarsi su di una media di circa 4 morti al
giorno, lo stress è al secondo posto tra i problemi di salute sul lavoro
ed interessa il 28% dei lavoratori dell’Unione Europea. Secondo
Federfarma (l’associazione che elabora i dati delle farmacie) la
popolazione italiana è sempre più depressa. Il consumo di ansiolitici e
psicofarmaci negli ultimi anni è aumentato del 2,2% a fronte anche di un
35% del totale delle spese per i farmaci che vanno per l’apparato
cardiovascolare. Il numero dei tumori in Italia di certa origine
lavorativa, è stimato in crescita pari a 8000 casi l’anno.
L’infertilità colpisce circa il 20% delle coppie e gli aborti spontanei
nelle giovani donne lavoratrici, sono in rilevante aumento (+ 10%). Il
disagio lavorativo, oggi, è classificato quale rischio emergente in
ambiente di lavoro. Tra le malattie professionali, di recente sono state
inserite le malattie psichiche o psicosomatiche derivanti da disfunzioni
dell’organizzazione del lavoro, vista la crescita esponenziale dei danni
lavoro-correlati. Ogni giorno, in media, nel nostro Paese, 90 sono i
morti al giorno per sbagli commessi dai sanitari, scambi di farmaci,
dosaggi errati, sviste in sala operatoria (320 mila le persone che
subiscono un danno, con un costo dell’1% del Pil, pari a dieci miliardi
di euro l’anno).
L’impresa quindi oggi, se vuole tornare ad essere competitiva, deve
trovare, valorizzare, la sua dimensione di agorà e, pertanto, la sua
valenza sociale. L’impresa deve metabolizzare che essa non è
l’imprenditore, gli azionisti, ma è tutti coloro che la “transitano”.
L’impresa, se vuole essere/tornare protagonista in un mondo globalizzato
non può che mettere al primo posto tra gli investimenti, quello sul
capitale umano.
Dove si pone, quindi, il discrimine tra organizzazione interna
all’azienda, organizzazione sociale e responsabilità collettiva….Chi può
sentirsi fuori, non coinvolto in questo processo complesso e
potenzialmente e collettivamente distruttivo…

Di questo si parlerà al Convegno che si svolgerà al Palazzo dei
Congressi a Firenze, Mercoledì 17 Maggio 2006 dal titolo La
Responsabilità Sociale delle Imprese e l’organizzazione del lavoro
responsabile. Quali coerenze ?
Organizzato dal Dipartimento Salute e Sicurezza della Cisl
edalla Fiba/Cisl Toscana e Fiba/Cisl Firenze
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl