=?iso-8859-1?Q?L'ascensore per Yuri =E8 una splendida realt=E0: ore 9=2C3?= =?iso-8859-1?Q?3 Yuri utilizza l'ascensore?=

09/giu/2006 09.51.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Vittoria! Yuri il ragazzo di Caivano (Napoli) disabile ha il suo ascensore e
da stamattina non è più prigioniero in casa.

Dopo circa 250 giorni, una rappresentanza della delegazione del Fiaba
(Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche)Campania, coordinata
dai sigg Antonio di Gennaro 3471932873 e Salvatore Lauritano) e Acusp
(Associazione Contribuenti Utenti Servizi Pubblici)farà ritorno stamattina a
Caivano per festeggiare "la liberazione" del giovane Yuri, che ,ora, potrà
utilizzare l'ascensore installata nel suo condominio a Caivano in provincia
di Napoli, con i contributi della Regione Campania, l'Amministrazione
comunale, Prefettura di Napoli e provincia. Un obiettivo raggiunto, grazie
alla seguitissima campagna stampa de "Il Mattino" e la trasmissione tv di
Maurizio Costanzo "Tutte le mattine" che hanno contribuito in maniera
essenziale, perchè a Yuri fosse assicurata l'ascensore. Un pensiero forte va
a tutta la straordinaria famiglia di Yuri che ha lottato, fortemente, contro
le barriere architettoniche. Bravo! Famiglia che ha chiesto tranquillità in
quest'ultimo periodo, che il Fiaba ha rispettato, pur seguendo la storia di
Yuri.
Il Responsabile Fiaba Campania
Dr Alfredo Capasso
3471932873
Per Yuri:
Chiesto anche l'intervento del Presidente Berlusconi
CI SONO 11 milioni di ragazzi prigionieri in casa in Italia
La delegazione del Fiaba-Acusp,che si rivolse al Presidente del Consiglio,
si è recata a Caivano il 2 ottobre 2005, in occasione della terza Giornata
nazionale del Fiabaday che si tiene annualmente anche in Campania per
gridare fortissimo "stop agli ostacoli per chi vive in carrozzella",
denunciando che persone con disabilità motorie, donne incinte,anziani,
invalidi anche temporanei se non abitano al piano terra o se il loro
condominio, come spesso succede, non ha l'ascensore sono costretti a una
condizione di "prigionieri in casa". Per Giuseppe Trieste, presidente
nazionale del Fiaba "l'ascensore deve diventare un obbligo in tutti i
condomini e in tutte le strutture, perchè a tutti deve essere garantito
l'accesso ai propri ambienti di vita, di lavoro e di divertimento". La
situazione degli edifici privati e pubblici, privi di ascensore, o con
carenza di manutenzione agli impianti esistenti, è stata denunciata da anni
dal Fiaba: ben 11 milioni di disabili sono prigionieri in casa per le
barriere architettoniche. Infatti, in Italia ci sono, ultimi dati
Istat:2.700.000 disabili, 5 ogni mille abitanti, dei quali 1.200.000 con
disabilità di tipo motorio, mentre gli anziani con limitazioni di tipo
motorio sono circa 2milioni. Mentre, una famiglia su 10 ha al suo interno
una persona con disabilità, e il 28% dei disabili vive da solo. A fronte di
queste cifre solo 371 mila edifici residenziali hanno un ascensore, cioè
appena il 4,3% dei condomini con più di un piano, mentre ben 8,5 milioni di
condomini con più di un piano ne è sprovvisto.
Il Responsabile del FiabaCampania
Dr Alfredo Capasso
3398697687




--
----------------------------------------
Io utilizzo la versione gratuita di SPAMfighter per utenti privati. Sino ad ora
ha rimosso 142 mail spam.
Gli utenti paganti non hanno questo messaggio nelle loro email .
Prova gratuitamente SPAMfighter qui:http://www.spamfighter.com/lit


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl