GETRONICS-EUTELIA - ECCO IL PIANO INDUSTRIALE DI SAMUELE LANDI

11/giu/2006 01.07.00 collettivolavoratorigetronics Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

GETRONICS-EUTELIA:ECCO IL PIANO INDUSTRIALE DI SAMUELE LANDI

Samuele Landi il neo amministratore delegato di Getronics presenta il piano industriale scrivendo direttamente al blog del "collettivo lavoratori Getronics". Non sono previsti licenziamenti. Sarà attuato un vero e proprio piano di rilancio. Landi annuncia incontri "diretti" con i lavoratori e le lavoratrici attraverso assemblee da tenersi nelle varie filiali. La prima assemblea si terrà a Napoli.

Gentili colleghi e spero presto amici, ho letto con sincera
emozione la lettera aperta a me indirizzata ritrovando in essa
le conferme che speravo. Prima di arrivare alla guida di Getronics
avevo ricevuto informazioni riportanti la presenza di personale mediamente anziano, poco produttivo e molto costoso, impegnato
in azioni di rivendicazioni sindacali e legali più che a lavorare.
Analizzando la storia e gli eventi dell'azienda anche grazie a quanto pubblicato sul web, avevo personalmente riflettuto
che tutto sommato i lavoratori avevano un bel po' di ragione per essere "alterati".

A distanza di 3 settimane, l'idea che mi sono fatto è profondamente diversa da quanto rappresentatomi: l'azienda ha lavoratori con grandi professionalità, un bagaglio di esperienza veramente raro, impegnati seriamente e probabilmente pronti ad impegnarsi ancor di più per risollevare le sorti del nostro "vascello".

Ma parliamo del numero degli addetti in azienda e perché non
Prevediamo tagli al personale:
- L'azienda utilizza 650 risorse esterne a prezzi più alti del costo del personale operativo (non del costo medio aziendale sbilanciato a causa dell'eccessivonumero di personale "not billable";
- Gran parte del personale interno "not billable" dovrà essere
utilizzato per internalizzare tutte le attività svolte dalle risorse esterne, con piani di riqualificazione professionale.

Alcuni sostengono che Eutelia ha mandato via tanti dipendenti
Praticando mobbing e vessazioni di tutti i tipi.
Vi dico che Eutelia ha effettuato alcune acquisizioni di aziende in profonda crisi negli ultimi 3 anni. Il numero delle persone
è aumentato di circa il 10% rispetto alla somma dei dipendenti presenti e dei dipendenti acquisiti. Un caso particolare è stata la sede di Torino ex-Noicom dove in seguito all'acquisizione,
molti dipendenti di giovane età si sono dimessi con una situazione che ha ridotto in 2 anni il personale di Torino da 80 a 40 persone. Al contrario nello stesso periodo sono aumentati i dipendenti delle sedi di Roma,Milano ed Arezzo, compensando le uscite di Torino.
Però è vero che molti dirigenti e livelli quadri non poprio moralmente corretti, sono stati "aiutati" ad andarsene a far danni da altre parti.... Addirittura, alcuni quando hanno capito che non potevano più farsi il secondo stipendio, sono andati via da soli.

Vi descrivo brevemente i punti cardine che immaginiamo per sanare
l'azienda:
- Tagli di tutti i costi di consulenza (abbiamo eliminato circa 1,5
milioni di euro nelle prime due settimane);
- Riduzione drastica di utilizzo delle risorse esterne utilizzando
personale interno eventualmente riqualificato;
- Utilizzo dei reparti tecnici anche per l'installazione e manutenzione
della rete Wifi di Eutelia (previsti 120 milioni di euro di
investimenti);
- Contenimento dei costi di affitto (è partito un piano di riduzione delle superficie delle sedi e dei magazzini, già realizzato da Getronics prima del mio arrivo);
- Contenimento delle spese di trasferta e rappresentanza (avete visto già qualche intervento che porta benefici del 30-40% e a bilancio 2005 risultano 15 milioni) - Cancellazione dei costi caricati dalla Holding su Getronics;
- Contenimento di tutte le spese generali (solo sulle Fidejussioni per le gare pubbliche con l'aiuto di Finital abbiamo un risparmio di 1,5 milioni l'anno)
- Rilancio delle attività di sviluppo software ad alto valore aggiunto con capitalizzazione del patrimonio software prodotto;
- Innovazione dell'offerta dei prodotti e servizi integrandola con le competenze di telecomunicazioni;
Questi punti Ve li illustrerò in dettaglio e personalmente sede per sede in una breve assemblea (niente videconferenza questa volta...) che si terrà immediatamente dopo la firma della cessione di Getronics a Eunics.

Ma aldilà di questi punti cardine , tutti importanti ce nè uno che è il fondamento di tutto.... l'azienda torna dopo tanti anni di proprietà di una famiglia italiana, i cui interessi personali coincidono con quelli aziendali e di tutti lavoratori seri ed onesti. Quale migliore garanzia per evitare consulenze inesistenti e sprechi insensati?

Per far galleggiare la nostra imbarcazione e e poi farla volare sulle
onde, mi occorre l'aiuto di tutti Voi, con il vosto impegno sul lavoro, ma anche con un occhio vigile a chi non rema nelle stessa direzione......
Il mio indirizzo email è nell'organigramma a disposizione di chiunque voglia collaborare alla costruzione di una nuova e migliore Getronics con nome Eunics.

Captain Hook è al vostro fianco.


GETRONICS WORKERS - collettivolavoratorigetronics@blogspot.com



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl