l'Asìa occupa 87 strisce blu solo al Vomero.Maxitariffe a Napoli

09/ago/2006 13.07.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Prevenire le maxitariffe anche a Napoli, si può. E'questo l'obiettivo
dell'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici), perchè la
protesta dopo che i prezzi sono stati rincarati serve a ben poco come si sta
registrando negli ultimi tempi.L'iniziativa dell'Acusp inizia a sondare il
settore strisce blu, in calo il numero di quelle libere che consentano
all'autista di parcheggiare e ciò costringe i napoletani, gli utenti a
sostare in doppia fila o a parcheggiare in garage a costi altissimi.
Conseguenza del caos strisce blu? Napolipark rincarerà i prezzi, perchè gli
incassi diminuiranno sempre più. E, l'Acusp dice no al "caro" tariffe
targato Napoli e chiede l'istituzione di un'Authority che coordini maggiori
controlli da parte di Vigili Urbani e Ausiliari perchè le strisce blu
vengano liberate, elevando sanzioni a chi le occupa, illegittimamente come
l'Asìa.
Quindi, . Come va diminuita la
Tarsu (vero Assessore Cardillo?), perchè il servizio offerto dall'Asìa non
soddisfa i cittadini.

Questo il risultato del primissimo monitoraggio Acusp:
87 posti occupati dall'Asìa al Vomero (vedi allegato); 87 strisce blu nelle
quali vengono posizionate 49 campane per la plastica e il vetro, 36
cassonnetti di rifiuti e 2 minicontenitori della Società d'Igiene Urbana
(Asìa). Ed il monitoraggio dell'Acusp (associazione Contribuenti Utenti
Servizi Pubblici) -effettuato nei giorni 3 e 4 agosto da Sabino Genovese e
Antonio di Gennaro, coordinatori Acusp, relativo solo all'area vomerese tra
via Morghen, via L. Giordano, zona Vanvitelli, Tino da Camaino, via Cilea-.
Posti auto bloccati da cassonetti e campane dell'Asìa, senza contare merci,
moto, auto abbandonate nelle strisce blu. E' evidente che con questi dati,
parcheggiare al Vomero anche per i residenti è problematico e la doppia fila
diventa una regola per i vessatissimi automobilisti napoletani, che devono
pagare la tassa per un posto auto che c'è, ma che non viene garantito
dall'Amministrazione comunale che quella tassa incassa. Garage, parcheggi
privati, ci sono ma i titolari praticano serenamente la tariffa "fai da Te",
chiaramente maxi per l'automobilista di turno che stressato dopo aver girato
mille volte per le strade vomeresi è costretto a parcheggiare l'auto ed a
subire il salasso.
Il Presidente dell'Acusp
Dr Alfredo Capasso
3398697687


G.Pezzella
responsabile ACUSP On line
www.acusp.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl