Portici/Senza potenziamento di bus e metro'

23/ago/2006 11.10.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ticket d'ingresso si o no? Prima di una risposta definitiva, l'Acusp sta
intervistando i cittadini, perchè è determinante il giudizio dei consumatori
in scelte che li riguardano direttamente. Per i porticesi,precondizione ad
un eventuale pedaggio per entrare nel centro di Napoli è il potenziamento
del trasporto pubblico nel capoluogo e nell'hinterland. Questo il parere
unanime dei primi 135 residenti intervistati dalla locale sezione
dell'Acusp. Ed ancora. ''A Londra, prima che la tassa d'ingresso in citta'
entrasse in vigore, era stato triplicato il numero dei mezzi pubblici. Da
noi treni e metropolitane sono obsoleti e gli autobus ingombranti: bisogna
cambiarne almeno la meta' e triplicare i mezzi di trasporto pubblico. Senza
contare i tempi d'attesa che spesso superano i trenta e quaranta minuti alla
fermata dei pullman''. ''Senza queste premesse,sostengono all'unisono i
cittadini - il ticket d'ingresso rischia di essere una nuova tassa, alla
quale tutti diciamo di no!. Ma, le critiche e proposte non finiscono qui.
"Abbiamo migliaia di veicoli al giorno che attraversano Portici per
lavorare, consumare e produrre ricchezza a Napoli. Ed a noi solo i danni?».
Conclusioni? «Senza una conferenza metropolitana sulla mobilità», il ticket
d'ingresso a Napoli resterà un'interessante discussione ferragostana e nulla
più.
Inoltre, l'Acusp sta inviando email e fax ai primi cittadini dei Comuni
della Provincia. Questo il testo e le proposte Acusp:
Signor Sindaco,
se si pagherà il ticket per entrare a Napoli, lei proporrà la pollution
charge anche nel suo Comune? Se "si", perchè? Se "no", perchè?
Questa la domanda che l'Acusp sta proponendo ai sindaci dell'hinterland,
perchè per dare una forma definitiva alle vari fasi di lotta
all'inquinamento - secondo l'Acusp - il Comune di Napoli non potrà operare
da solo, ma sarà determinante il coinvolgimento dei Comuni e della Provincia
(Assessore alla Mobilità Mario Casillo), per decongestionare il capoluogo
campano. Una collaborazione indispensabile, essenziale per concretizzare
misure a favore del cittadino. Ad esempio,per l'istituzione del biglietto
Unico + parcheggi nei pressi delle stazioni delle Ferrovie locali e di
quelle di Trenitalia; un solo tagliando per parcheggiare l'auto o la moto e
utilizzare treni, metropolitane e bus extraurbani. Ed ancora, UnicoTaxi; un
solo titolo di viaggio per i mezzi di trasporto pubblico e auto a noleggio
con conducente e taxi. Tariffe predeterminate istituite per i viaggi in taxi
non solo per le tratte urbane, ma anche per quelle extraurbane.
Prolungamento del servizio di autobus e treni in servizio urbano ed extra,
per consentire la mobilità agli utenti anche nelle ore serali, offrendo loro
la possibilità di vivere la città pure nelle ore notturne, potenziando i
sistemi di sicurezza ed i controlli da parte delle forze dell'ordine.
Il Presidente dell'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici)
Dr Alfredo Capasso
3398697687







blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl