Sanità/ Montemarano non giochi a scarcabarile con il Governo- No ticket!

L'Assessore Angelo Montemarano dica chiaramente se ha intenzione di istituire i ticket anche in Campania, senza tirare in ballo, strategicamente, la Finanziaria dal momento che il Ministro della Salute Livia Turco è stata chiarissima:- ticket sulla sanita'.

03/set/2006 22.23.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'Assessore Angelo Montemarano dica chiaramente se ha intenzione di
istituire i ticket anche in Campania, senza tirare in ballo,
strategicamente, la Finanziaria dal momento che il Ministro della Salute
Livia Turco è stata chiarissima:-
ticket sulla sanita'>. E, relativamente ai ticket, il Ministro ha ben
specificato che essi "sono una risorsa a disposizione delle singole
Regioni che potranno decidere liberamente se applicarli per i ricoveri in
pronto soccorso, non seguiti da ricovero, oppure no>. Tra l'altro, il ticket
del pronto soccorso é legge solo in 11 regioni , ciò conferma quanto
affermato dal Ministro, cioè "ogni regione decide liberamente sul ticket
per il pronto soccorso"; un'ennesima tassa a carico dei consumatori alla
quale l'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici) dice
decisamente no, perché vessa i contribuenti che già pagano moltissimo per
una Sanità che non offre servizi di qualità. In modo particolare il ticket
per il pronto soccorso contraddice i consigli utili dei medici "prevenire è
meglio che curare", ma poi se vai al pronto soccorso in Lommbardia, ad
esempio, il ticket per i pazienti le cui visite non rivestono carattere
d'urgenza (valutata dal medico del Pronto Soccorso), indipendentemente dalla
presenza di un eventuale stato di esenzione, è:35 euro per la sola visita
specialistica e di 50 euro se vengono effettuate altre prestazioni
diagnostico-terapeutiche. Ora, se la legge regionale lombarda sui ticket al
pronto soccorso specifica che a valutare il carattere d'urgenza è il medico,
il consumatore che non è medico non potendo valutare la gravità del suo
problema clinico in caso di un improvviso giramento di testa va al pronto
soccorso, naturalmente. Se poi al pronto soccorso non c'è personale
sufficiente o manca il medico all'ambulatorio non è colpa del cittadino, ma
di una sanità che va meglio organizzata, evitando sprechi e sviluppando la
qualità dei servizi con più personale medico e paramedico. Problema che non
si risolve con il ticket al pronto soccorso, ma combattendo la non qualità
che costa molto di più di servizi efficienti.
Il Presidente dell'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici)
Dr Alfredo Capasso
3398697687







blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl