ANTIPROIBIZIONISTI.IT: IL DRUG-TEST =?UTF-8?B?4oCcQUJVU0lWT+KAnSA=?= =?UTF-8?B?REVMTEUgSUVORSBBQ0NFTkRFIExBIFBPTEVNSUNBIEUgUklTQ0hJQSBESSBQRUc=?= =?UTF-8?B?R0lPUkFSRSBMQSBTSVRVQVpJT05F?=

09/ott/2006 21.49.00 Associazione Politica Antiproibizionisti.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
IL DRUG-TEST “ABUSIVO” DELLE IENE ACCENDE LA POLEMICA E RISCHIADI PEGGIORARE LA SITUAZIONE
http://antiproibizionisti.it/notizia.asp?n=5139

di Marco Contini, Segretario dell’Associazione PoliticaAntiproibizionisti.it

ROMA, 9 ottobre 2006 - Lo abbiamo detto in tempi non sospetti:le polemiche tendono sempre, inevitabilmente, a non aiutare i fatti.Soprattutto quando i fatti di cui abbiamo bisogno consistono, come inquesto caso, in una seria iniziativa legislativa che appare, ognigiorno di più, sempre più urgente e coloro che dovrebbero farsenepromotori seguitano, come ormai accade da mesi, a ciurlare nel manico.

Il test eseguito dalle Iene su 50 deputati - a loro insaputa - rivelache un onorevole su tre fa uso di stupefacenti: il 24% di loro (12persone) è risultato positivo alla cannabis e l'8% (4 persone) allacocaina.

I parlamentari sottoposti al test non saranno riconoscibili e irisultati saranno mostrati domani alle 21:00, in occasione della primapuntata della nuova serie del noto programma di Italia 1.

Davide Parenti, capo autore delle Iene, sostiene che il drug wipe (èquesto il nome del test, effettuato per mezzo di un tampone frontale)"ha una percentuale di infallibilità del 100%", seppure da tempoautorevoli studi abbiano ampiamente dimostrato che gli strumenti chepermettono di misurare la presenza di sostanze stupefacenti nel sangueo nella saliva e urine non sono in grado di fornire dati cliniciaffidabili. Ciò vale per coloro che quotidianamente vengono fermati perstrada e, parimenti, vale anche per i nostri parlamentari che, almenoda un punto di vista “fisiologico”, non sono diversi dagli altricittadini. Non lo sono, in realtà, neppure da altri punti di vista, acominciare da quello per cui ciascuno ha il diritto di vedere tutelatala propria privacy.

Per quanto possa essere apprezzabile l’intento di riportareall’attenzione dell’opinione pubblica la questione relativa allanormativa sulle sostanze stupefacenti, il rischio è che episodi comequesto finiscano per peggiorare la situazione, riducendola a unfenomeno “folcloristico” che si liquida con una risata. Nel contempo,gli stessi parlamentari potrebbero venire a trovarsi in una condizionedi “sorvegliati speciali” e ciò non potrebbe che paralizzare qualunqueiniziativa di revisione in senso meno restrittivo dell’attualenormativa. Chi è proibizionista, lo sappiamo, fa sempre molto in frettaa isolare e scartare le “mele marce”, addebitando alle scelteindividuali ogni responsabilità. Chi non lo è, invece, ma non vuolenemmeno fare dell’antiproibizionismo la propria bandiera, in questomodo si troverà probabilmente in imbarazzo e preferirà non sbilanciarsitroppo.

Va detto, infine, che oltre ad avere il paradossale risultato dicriminalizzare il consumo (seppure rispetto a una particolare categoriadi utenti), il metodo utilizzato risulta insopportabilmente odioso einvasivo. Se è possibile trattare in tal modo dei deputati dellaRepubblica, chi difenderà il comune cittadino che per strada venisseabusivamente sottoposto a questo genere di “inquisizione”? Per quantoesistano delle sentenze (ricordiamo, ad esempio, quella della la IVsezione penale della Corte di Cassazione) che affermano che i prelievi‘anti-droga’ possono essere effettuati esclusivamente presso unastruttura sanitaria, sempre più spesso questa indicazione vienedisattesa, all’insaputa degli ignari automobilisti che accettano disottoporsi a degli accertamenti sommari senza alcuna garanzia, né intermini scientifici, né – tantomeno – sul piano del diritto.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl