Rifugio Parrelli: spreco infinito di soldi pubblici

23/apr/2014 18.15.01 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

RIFUGIO PARRELLI: SPRECO INFINITO DI SOLDI PUBBLICI



Per avere un'idea chiara di come l'anomalo sequestro del Rifugio Parrelli sia divenuto un caso esemplare di sprechi di fondi pubblici basta riflettere su quanto accaduto in questa struttura giovedì 17 aprile. Essendo giornata dedicata alle adozioni, puntuali si sono presentati di prima mattina quattro solerti militari del Corpo forestale dello Stato insieme a due funzionari dell'ufficio diritti animali del comune di Roma per svolgere le loro mansioni burocratiche e di polizia giudiziaria. Dopo molte ore di grande impegno lavorativo, questo è stato il loro risultato: 1) hanno messo la loro firma in calce alla restituzione di due cani ritirati dai loro padroni; 2) hanno controfirmato la riconsegna al suo proprietario di un gatto che era stato posteggiato in pensione per qualche mese; 2) hanno certificato ed autorizzato l'adozione di un cucciolo di cane. Questo evidente speco di soldi pubblici avviene mentre lo Stato non ha risorse per provvedere ad interventi governativi contro la disoccupazione e la povertà ed i comuni hanno le casse vuote e non riescono a dare risposte alle famiglie bisognose, alle scuole che cadono a pezzi, agli asili nido che mancano, agli anziani che stanno vivendo condizioni drammatiche. Continuando così il fallimento italiano è una certezza.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl