A chi innova non soltanto agevolazioni ma anche servizi A cura di Giuseppe Catapano

30/apr/2014 12.51.09 gente attiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

<incubatori certificati> predisposti per offrire servizi e sostenere la nascita e lo sviluppo delle imprese start-up innovative oltre al pacchetto di agevolazioni per le imprese giovani, tecnologiche e votate al reinvestimento.

La start up ai raggi X. Queste le caratteristiche delle nuove start up innovative:

-          La maggioranza del capitale sociale e dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria deve essere detenuto da persone fisiche;

-          La società deve essere costituita e operare da non più di 48 mesi;

-          Deve avere la sede principale dei propri affari e interessi in Italia;

-          Il totale del valore della produzione annua, a partire dal secondo anno di attività, non deve superare i 5 milioni di euro;

-          Non deve distribuire o aver distribuito utili;

-          Deve avere quale oggetto sociale esclusivo, lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;

-          Non deve essere stata costituita per effetto di una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda.

Inoltre, spiega una nota di palazzo Chigi, la start up deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri: sostenere spese in ricerca e sviluppo in misura pari o superiore al 30% del maggiore tra il costo e il valore della produzione; impiegare personale altamente qualificato per almeno un terzo della propria forza lavoro; essere titolare o licenziataria di una privativa industriale connessa alla propria attività.

Il ruolo dell’incubatore di start-up innovative certificato. Si tratta di una società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una SocietasEuropaea, residente in Italia che offre servizi per sostenere la nascita e lo sviluppo di start-up innovative. Detta struttura, rinvenibile nelle realtà locali, molto spesso nella forma di <parco scientifico e tecnologico> entra a far parte dell’articolato sistema di incentivi allo sviluppo delle nuove imprese ed è a sua volta beneficiaria di agevolazioni in termini di esenzione dagli oneri relativi al registro delle imprese. Essa, analogamente alle stesse le start up innovative, deve essere iscritta in apposita sezione speciale del Registro imprese mediante apposita autocertificazione, prodotta dal legale rappresentante, con cui attesti il possesso dei requisiti qualificanti per beneficiare delle agevolazioni previste dal decreto sviluppo.

Tale incubatore deve, a sua volta essere caratterizzato dalla presenza di particolari elementi:

a)      Disporre di strutture, anche immobiliari, adeguate ad accogliere start-up innovative, quali spazi riservati per poter installare attrezzature di prova, test, verifica o ricerca;

b)      Disporre di attrezzature adeguate all’attività delle start-up innovative, quali sistemi di accesso alla rete internet, sale riunioni, macchinari per test, prove o prototipi;

c)       Essere amministrato o diretto da persone di riconosciuta competenza in materia di impresa e innovazione e avere a disposizione una struttura tecnica e di consulenza manageriale permanente;

d)      Avere regolari rapporti di collaborazione con università, centri di ricerca, istituzioni pubbliche e partner finanziari che svolgono attività e progetti collegati a start-up innovative;

e)      Avere adeguata e comprovata esperienza nell’attività di sostegno a start-up innovative.

Tale ultimo requisito può essere autocertificato adducendo:

-          Il numero delle candidature innovative ricevute e valutate nel corso dell’anno;

-          Il numero di start-up innovative avviate, ospitate e uscite nell’anno;

-          Il numero complessivo di collaboratori e personale ospitato e le variazioni degli occupati rispetto all’anno precedente;

-          Il tasso di crescita media del valore della produzione delle start-up innovative incubate;

-          Il capitale  di rischio raccolto dalle start-up innovative incubate;

 

-          Il numero di brevetti registrati dalle start-up innovative incubate, tenendo conto del relativo settore merceologico di appartenenza. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl