A cura del prof. Giuseppe Catapano : LE SOCIETA’ non operative vengono cancellate d’ufficio

30/apr/2014 13:11:44 gente attiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Cancellazione d’ufficio dal Registro imprese per le società di capitali che non depositano il bilancio da oltre cinque anni.

E senza passare dal giudice del Registro: lo scioglimento avverrà <con provvedimento del conservatore del registro delle imprese>. È questa una delle semplificazioni previste nella bozza del decreto legge sullo sviluppo circolata negli ultimi giorni.

L’obiettivo è quello di fare pulizia nel Registro imprese, “inquinato” da una folta schiera di società non più attive, e garantire anche una più corretta rappresentazione della realtà economica del Paese. Eliminando, peraltro, una parte degli oneri amministrativi e finanziari per la gestione dei registri.

In base alla norma inserita nel Dl sviluppo, le società di capitali che, all’entrata in vigore del decreto, <non hanno depositato i bilanci di esercizio da oltre cinque anni, né hanno ridenominato il capitale sociale in euro, né limitatamente alle società a responsabilità limitata ed a quelle consortili a responsabilità limitata>, hanno presentato la dichiarazione per integrare le risultanze del Registro imprese a quelle del libro soci, <sono sciolte senza nomina del liquidatore , con provvedimento del conservatore del registro delle imprese>. Lo stesso conservatore dovrebbe comunicare il provvedimento di cancellazione agli amministratori della società, a cui la norma lascia 60 giorni di tempo <per presentare formale e motivata domanda di prosecuzione dell’attività>, nonché le domande di iscrizione degli atti non iscritti e depositati.

Il conservatore, dunque, dopo aver verificato la cancellazione della partita Iva della società e la mancanza di beni iscritti in pubblici registri, deve eliminare l’impresa dal Registro.

La semplificazione, caldeggiata anche dalle Camere di commercio, si affianca – come ricorda la relazione illustrativa – alle altre norme per la pulizia del Registro imprese, avviata con il Dpr 247/2004 (per le imprese individuali e le società di persone), con l’ultimo comma dell’articolo 2490 del Codice Civile (per le società di capitali in fase di liquidazione) e con l’articolo 10 della legge 99/2009 (per le cooperative). Si allinea infine con la procedura introdotta dalla manovra d’estate per la cancellazione delle partite Iva non più attive da tre anni.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl