On. Elisabetta Gardini commenta i crocifissi nei luoghi pubblici

09/dic/2006 18.30.00 axteismo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

On. Elisabetta Gardini commenta i crocifissi nei luoghi pubblici

“Mobilitiamoci per difendere Luigi Tosti”

Sosteniamo il giudice Luigi Tosti inviando un messaggio al Presidente della Repubblica Napolitano
e al Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura

Da: On. Elisabetta Gardini
gardini_e@camera.it

L'ignoranza sia con voi!!!!! La democrazia non vi tocca minimamente!!!!!! Dovreste sapere che ben oltre il 90% degli italiani vuole che la croce sia esposta nei luoghi pubblici. Con il vostro fondamentalismo laicista perchè non chiedete di abolire dai programmi scolastici Dante e Manzoni, per esempio....e poi tutta la storia dell'arte...(troppe crocifissioni, e deposizioni, e Madonne con Bambino....) Tanta ostinazione meriterebbe migliore causa.
Elisabetta Gardini

Risponde Ennio Montesi:

 
A: On. Elisabetta Gardini
gardini_e@camera.it

...e con il tuo spirito, Gardini, amen, alleluia! I cattolici possono vantarsi e avere il primato assoluto in fatto di ottusità mentale e arroganza sugli altri cittadini.

Suvvia leggiamo insieme... Costituzione della Repubblica Italiana - Art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Come anche il più grande tra gli ottusi può rendersi conto facilmente, il giudice Luigi Tosti sta applicando e difendendo la nostra Costituzione Italiana oltre che la Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo, cosa che dovreste fare soprattutto voi parlamentari, stipendiati dai noi cittadini. Comprendiamo tuttavia che ai credenti, parlamentari o no, con la mente inebriata di chissà quali misticismi ultraterreni, se ne fregano altamente continuando a imporre i propri feticci chiodati medievali, marcando il territorio appartenente a tutti i cittadini dello Stato laico. Cosa di cui la Chiesa è maestra avendo compiuto nell'arco dei secoli genocidi e crimini immani contro l'umanità: persone, uomini, donne e bambini sbudellati, sgozzati, bruciati, torturati, annegati, strangolati, impalati, squartati, spellati vivi, fatti a pezzi. "Quando il cittadino è passivo è la democrazia che s'ammala" afferma Alexis Chales de Tocqueville. Il problema è che il termine "democrazia" - per i fondamentalisti religiosi - è del tutto sconosciuto.
:::::::::

Da: On. Elisabetta Gardini
gardini_e@camera.it

Ma vi entra nella testa che parlando di "feticci chiodati medievali" siete voi ad offendere? Ripeto che la quasi totalità degli italiani preferisce che il simbolo della croce, che è simbolo di un amore universale tanto alto da arrivare a sacrificare la vita, sia esposto. E' un amore universale, senza limitazioni di razza, di sesso, di censo, di lingua, di religione....E' grazie alla rivoluzione cristiana che gli uomini sono diventati uguali davanti alla legge degli uomini, così come lo sono da sempre davanti a Dio....e gli ultimi saranno i primi. Il disprezzo che c'è nelle vostre parole invece è il contrario di tutto quello che dite di voler difendere. Qual è il motivo vero? E' abbastanza incomprensibile. Laico poi è un termine che usate in modo improprio. La parola laico viene dal greco laikós - uno del popolo, dalla radice laós – popolo. Il termine ebbe in origine un uso esclusivamente religioso: riferendosi ai fedeli di una religione, veniva usato (e, nel suo senso proprio, viene usato tuttora) per indicare colui che, pur professando un dato culto, non è appartenente alla gerarchia del suo clero. L'insieme dei fedeli laici è detto laicato. Nella Chiesa cattolica si utilizza la denominazione di laico anche per gli appartenenti ad Istituti di Vita consacrata che non sono presbiteri: cioè per coloro che, pur essendo monaci non hanno ricevuto l'ordinazione sacerdotale. Insomma, laico è il popolo di Dio. Guardate pure il dizionario e rimettete a posto i "significati". Tra poco è Natale...non sarete, spero, tra coloro che vorrebbero far perdere le nostre tradizioni ai nostri bambini nelle scuole.
Anche il Natale è una festa di pace.
Elisabetta Gardini
:::::::::

Possiamo pubblicare i commenti inviati?

Axteismo, No alla chiesa, no alle religioni
Movimento Internazionale di Libero Pensiero
:::::::::

I miei "commenti" sono in realtà risposte alle vostre mail. Quindi riterrei giusto, per contestualizzarli, che fossero riportati in forma di "dialogo" riportando anche le vostre mail. In questo caso non ho nulla in contrario.
Elisabetta Gardini
:::::::::

Pronto fatto Gardini!

Axteismo, No alla chiesa, no alle religioni
Movimento Internazionale di Libero Pensiero

Nella foto, da sinistra: il giudice Luigi Tosti, il cristologo Luigi Cascioli e lo scrittore Ennio Montesi al Tribunale dell’Aquila alla sentenza sui crocifissi. Sotto la parlamentare Elisabetta Gardini.

Fonte:
http://nochiesa.blogspot.com

 
Axteismo, No alla chiesa, no alle religioni
Movimento Internazionale di Libero Pensiero
cerchiamo Fondazione o Università che sostenga studi e attività  
e Imprenditore-Editore che apra Tv satellitare libera
leggi le news anche degli altri mesi:
per aderire e informazioni:
tel. +39 3393188116
 
 
 
 
 
 
 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl