CS AL CONSIGLIO DEI MINISTRI LA RIFORMA DELLA COOPERAZIONE: UN SEGNALE POSITIVO DAL GOVERNO PRODI

CS AL CONSIGLIO DEI MINISTRI LA RIFORMA DELLA COOPERAZIONE: UN SEGNALE POSITIVO DAL GOVERNO PRODI COMUNICATO STAMPA Al Consiglio dei Ministri la Riforma della Cooperazione: un segnale positivo dal Governo Prodi Roma, 10 gennaio 2007.

10/gen/2007 14.30.00 Associazione ONG italiane Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                         COMUNICATO STAMPA

 

Al Consiglio dei Ministri la Riforma della Cooperazione:

 un segnale positivo dal Governo Prodi

 

Roma, 10 gennaio 2007. Nel Consiglio dei Ministri convocato venerdì 12 gennaio 2007 a nella sede della Reggia di Caserta è stato messo all’ordine del giorno per l’esame preliminare il DISEGNO DI LEGGE con delega al Governo per la Riforma 49 del 1987, che regola la cooperazione dell'Italia con i Paesi in via di sviluppo.

 

Questa mattina la Vice Ministra per la Cooperazione Internazionale Patrizia Sentinelli in missione diplomatica in Africa ha comunicato da Dakar al Presidente dell’Associazione ONG italiane Sergio Marelli l’importante notizia che porta il disegno di legge al primo passaggio dell’iter legislativo per l’approvazione in tempi rapidi.

 

“Il passo del Governo comunicatomi oggi da Patrizia Sentinelli - afferma Sergio Marelli - lo attendevamo fortemente visto anche i lavori a cui avevamo partecipato in rappresentanza delle nostre 160 ONG nel Tavolo di Consultazione attivato dal Ministro degli Esteri D’Alema e dalla Vice Ministra Sentinelli nei mesi scorsi.

Un segnale positivo dal Governo Prodi, che ha proposto in tempi stretti la riforma della 49, rilanciando il ruolo della cooperazione allo sviluppo nell’ambito della politica estera. E’ un ottima notizia per il futuro della cooperazione italiana e delle Ong che, come avevamo denunciato proprio un mese fa alla nostra assemblea nazionale, si trovano al limite della sopravvivenza.

Proprio per questo  - conclude Marelli - auspichiamo che il lavoro avviato dal Governo di consultazione e di concertazione  con le ONG Italiane continui e si approfondisca anche nel corso del dibattito parlamentare della Legge Delega”.   

 

Paola Amicucci

Ufficio Stampa Associazione ONG Italiane

email: ufficio.stampa@ong.it
Tel: 06 6832061 - 328.0003609; Fax: 06 6872373

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl