LightUp: un mondo da toccare. Design sociale

04/dic/2014 09.40.08 Press Un-Guru Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


LightUp: un mondo "da toccare" (A Tangible World) vince il contest dedicato al design sociale

Raccontare il nostro pianeta ai non vedenti

E ancora arte e cibo: la Milano di Expo più accessibile per tutti

 

L'iniziativa nasce dalla collaborazione tra NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano,

e BeHandy, associazione che si occupa di persone con ridotte capacità motorie, visive, auditive e alimentari, all'interno di Light Up, il progetto di Comune di Milano e Ciessevi per la promozione del volontariato giovanile

 

Milano, 4 dicembre 2014  E' stato presentato ieri (3 dicembre Giornata Internazionale della Disabilità) il progetto vincitore del contest on-line "Be Handy Social Design".

Si tratta di una competizione frutto dell'incontro tra l'associazione BeHandy e NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano. Gli studenti del Triennio di Design di NABA avevano svolto a ottobre un percorso di volontariato con BeHandy che aveva per oggetto la mappatura di una zona di Milano con l'obiettivo di rilevarne l'accessibilità da parte di persone con disabilità diverse.

La collaborazione nasce nell'ambito del progetto di promozione del volontariato giovanile LightUp, di Comune di Milano e Ciessevi.

La mappatura è stata l'inizio di un percorso che, attraverso "BeHandy Social Design", ha coinvolto in misura ancora maggiore gli studenti di NABA che si sono messi alla prova con nuove idee di design sociale; progetti che rappresentano parte integrante del loro percorso di studio. Il design sociale a beneficio di persone con disabilità diverse doveva inoltre essere declinato nell'ottica dell'imminente Esposizione Universale, con l'obiettivo di rendere Milano più accessibile a chiunque.

 

Il vincitore è stato stabilito attraverso una votazione on-line a cui hanno partecipato oltre 3mila persone. Il concept progettuale più votato è "A Tangible World", a cura di Carmen Heuvelmans, Valentina Gnocchi, Alessia Nobile e Elena Iacovou. Il gruppo ha lavorato a partire dall'idea di dare la possibilità di viaggiare a chi non può farlo e, nella cornice di Expo, come educare in modo divertente bambini non vedenti per provare a fargli conoscere il mondo in cui viviamo.

A Tangible World è una mappa interattiva e 3Dche, grazie all'uso dei magneti, può educare non solo alla geografia, ma anche a elementi simbolici di ogni paese come monumenti o animali.

La proclamazione  a San Siro ( 3 dicembre a partire dalle 18) in occasione di BeHandy Tech, la prima manifestazione dedicata alla tecnologia in grado di favorire inclusione sociale.

A Tangible World è un'idea progettuale alla quale il gruppo degli ideatori lavorerà nel corso dei prossimi mesi.

 

Anche il progetto secondo classificato - "ToccArte" - è dedicato ai non vedenti e prevede l'impiego della stampa 3D per la riproduzione di opere d'arte. Al terzo posto "Free Life Free Food", una campagna di comunicazione e sensibilizzazione sulle insufficienze alimentari.

 

Il contest dedicato al design sociale, a favore di persone disabili, dove dei giovani fanno del volontariato un'esperienza che ha a che fare con la loro vita quotidiana, e con la loro idea di futuro, è un esempio efficace dei risultati conseguiti nell'ambito del progetto LightUp.

Oltre ad avvicinare i giovani al volontariato LightUp prevede che siano i ragazzi stessi a scegliere le modalità con le quali avvicinarsi all'esperienza della solidarietà, senza dover seguire schemi e modelli, anche consolidati, ma che sono degli adulti.

 

 

Info su Light Up

Sono oltre 3mila i giovani che hanno già aderito all'iniziativa e che sono impegnati in progetti di solidarietà, in collaborazione con le associazioni di Milano e provincia.

Molti giovani stanno inoltre sperimentando l'alternanza scuola-volontariato, che prevede dei percorsi in cui l'esperienza di volontariato ha l'obiettivo di conseguire competenze extra-scolastiche spendibili nel mondo del lavoro, e che si sono rivelati efficaci anche come occasione di orientamento e di riflessione sul loro futuro professionale.

Gli oltre 3mila giovani volontari sono affiancati da circa 500 adulti: genitori, insegnanti, educatori, volontari e personale delle associazioni che contribuiscono all'accesso, realizzazione e supporto alle attività che si svolgono nell'ambito di Light Up.

 

Per informazioni: www.mylightup.it

lightup@mylightup.it

Light Up è su Facebook e Twitter

 

---------------------------------------------------------------------------------------

Antonella TAGLIABUE
Managing Director & Senior Advisor
UN-GURU® 
unique value consulting solutions


E-mail: a.tagliabue@un-guru.com
Mobile: +39 3339274531

Skype: antonella.tagliabue.un-guru
P.zza Castello 19 20121 Milano MI

Tel. 0039 02 30310564
Twitter @AntonellaT10


Web: 

www.un-guru.com

UN-GURU Network è presente su: 
www.linkedin.com
www.viadeo.com
www.facebook.com 
www.twitter.com

Un-Guru® è una innovativa società di consulenza strategica di direzione

per la valorizzazione, lo sviluppo e la sostenibilità di imprese, prodotti e idee.

Un-Guru è opinion maker riconosciuto con numerose pubblicazioni 
su vari media, tra cui Il Sole 24 Ore, Metro, Modus Vivendi, Digitalic, 
e come relatore e moderatore in convegni e seminari.
Un-Guru è un marchio registrato.
--------------------------------------------------------------------------------------
Sii smart, pensa all'ambiente: non stampare questa e-mail se non necessario.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl