La nostra cultura della droga

18/dic/2014 17.14.58 carla ducci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Le droghe distruggono ogni anno milioni di vite.

Rese popolari negli anni 60 dalla musica e dai mass media, al giorno d'oggi invadono tutti gli ambiti della società

Il problema ha molti aspetti: dagli studenti universitari che ballano per tre giorni did fila durante i rave party, imbottiti di ecstasy o di metanfetamina, al bambino che sta diventando dipendente dal Ritalin (metilfenidato) e che ormai non è più un solo problema americano; alla madre che non riesce a finire la giornata senza aver preso le sue pillole per la depressione, al dirigente assuefatto dalla cocaina.

I giovani, oggi hanno più probalità di iniziare prima a far uso di droga. Sebbene gli spacciatori di droga possano essere perseguiti e i loro network di distribuzione di sostanze stupefacenti smantellati, chiunque abbia operato per un certo periodo in questo campo, sa che è un lavoro interminabile.Fintanto che c'è richiesta di droga, ci saranno persone disposte a soddisfare quella domanda, è una semplice realtà economica.

Perciò è vitale informare i giovani prima che decidano di iniziare a farne uso. Questo lo scopo della campagna informativa che con i suoi volontari distribuisce gli opuscoli basati su ricerche approfondite sondaggim e rapporti governativi. Questi opuscoli forniscono una comprensione basilare di ciò che sono esattamente queste droghe e di cosa facciano alla mente e al corpo.

Anche a Firenze, questo tipo di informazione raggiunge le persone ogni giorno, attraverso la mirabile opera dei volontari della Chiesa di Scientology che instancabili distribuiscono verità sulla droga a tutte le persone

 

 

 

L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl