Comunicato/ Acam convochi i pendolari. L. Regione Campania (3/2002)

08/feb/2007 13.20.00 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'Acusp (associazione Contribuenti Utenti Servizi Pubblici), Assoutenti
Campania, Centro Studi "il punto" denunciano il quotidiano disservizio che
si registra dallo scorso 11 dicembre sulla tratta ferroviaria
Benevento-Caserta-Roma.
Perchè, il collegamento che trasportava lavoratori e studenti nella
Capitale in tempi utili per andare a lavoro o a scuola è stato penalizzato
dal momento che unilateralmente Trenitalia ha sostituito un treno intercity
con un Interregionale, più lento, meno affidabile e decisamente meno
puntuale del precedente.
Dati forniti dall'Osservatorio Acusp - Associazione Pendolari Sannio-Terra
di Lavoro:
-negli ultimi tempi l'interregionale ha accumulato ritardi che vanno dai
15' min. quotidiani ai 70 e 80' in casi straordinari.
-partenza del treno al limite della sicurezza con carrozze fuori servizio;
porte non funzionanti, riscaldamento inesistenti, locomotori che vanno in
blocco interruzioni lungo il percorso che fanno accumulare ritardi ormai
nemmeno più calcolabili.
-06.02.07, va in blocco a Villa Literno il locomotore del treno
interregionale con partenza alle ore 5,18 da Benevento si trasborda su
intercity proveniente da Napoli al quale va in blocco il locomotore a Sezze
Romano morale un pendolare che parte da Benevento alle ore 5,18 arriva a
Roma alle ore 10,20 cioè, impiega 5 ore di viaggio. Quanto descritto risulta
risulta agli atti della Polfer di Caserta e di Villa Literno e dai
responsabili del personale viaggiante e delle stazioni di Caserta e Villa
Literno.
Disservizi che non "giustificano" più la scelta della direzione di di
Terenitalia Campania di sopprimere la fermata alla stazione di Marcianise
per far arrivare l'interregionale in orario (08,22) dal momento che a
Termini si arriva ben oltre i pochi minuti necessari per consentire la
salita e discesa dal treno agli Utenti di marcianise.
Per quanto sopra, l'Acusp chiede un incontro, definitivamente risolutivo,
all'Acam (Agenzia Campana per la Mobilità Sostenibile)in base alla Legge 3
del 2002 con la partecipazione dei rappresentanti di Trenitalia.
Nell'occasione, l'Acusp, tra l'altro, ufficializzerà la richiesta di
prevedere bonus a favore dei pendolari titolari di abbonamento Trenitalia;
15-20% in meno sul rinnovo dell'abbonamento mensile o annuale quando si
registrano disservizi, come quelli già denunciati dall'Osservatorio Acusp-
Associazione Pendolari Sannio-Terra di lavoro. Bonus già applicato da anni
in altre regioni d'Italia e che ora
va applicato anche a favore dei pendolari in Campania dal momento che la
qualità del servizio è solo annunciata,ma non realizzata.
Il Presidente dell'Acusp
Dott Alfredo Capasso
3398697687




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl