[comunicato] ARCIGAY: COPPIE DI FATTO LA MONTAGNA HA PARTORITO UN BRUPPO TOPOLINO

[comunicato] ARCIGAY: COPPIE DI FATTO LA MONTAGNA HA PARTORITO UN BRUPPO TOPOLINO ARCIGAY: COPPIE DI FATTO LA MONTAGNA HA PARTORITO UN BRUPPO TOPOLINO COSÌ SI CREA UNA GIMKANA DEI DIRITTI: DA DOMANI SAREMO IN PIAZZA PER CHIEDERE AL PARLAMENTO DI CAMBIARE LA LEGGE " Questa non è la legge che il movimento omosessuale italiano chiede da vent'anni.

08/feb/2007 19.49.00 Arcigay Arcilesbica Omphalos Perugia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ARCIGAY: COPPIE DI FATTO LA MONTAGNA HA PARTORITO UN BRUPPO TOPOLINO

COSÌ SI CREA UNA GIMKANA DEI DIRITTI: DA DOMANI SAREMO IN PIAZZA PER CHIEDERE AL PARLAMENTO DI CAMBIARE LA LEGGE

" Questa non è la legge che il movimento omosessuale italiano chiede da vent’anni. Nel paese del Vaticano l’uguaglianza della dignità e dei diritti per le coppie dello stesso sesso rimane una misura di civiltà ancora negata".

Così Arcigay, tramite il presidente nazionale Sergio Lo Giudice, commenta il disegno di legge approvato questa sera dal Consiglio dei Ministri.

"La possibilità di una registrazione volontaria tramite atto pubblico per le coppie di fatto gay, lesbiche o eterosessuali è un punto di partenza. - spiega Lo Giudice -. Ma i diritti che avevamo chiesto di riconoscere (dalla reversibilità della pensione alla successione, dal permesso di soggiorno per il partner extracomunitario ai diritti sul lavoro) sono previsti in una modalità che non corrisponde alle esigenze reali delle famiglie di fatto: tempi troppo lunghi e meccanismi complicati rischiano di produrre una vera e propria gimkana per le coppie di fatto e di rendere la legge inapplicabile. I bizantinismi linguistici e procedurali siano sostituiti dalla certezza dei diritti e delle responsabilità.".

"Da domani - annuncia il presidente di Arcigay - saremo in piazza per spingere il Parlamento a cambiare profondamente questa proposta. Il 14 febbraio Arcigay manifesterà in tutte le città italiane, in preparazione della grande manifestazione nazionale sulle unioni civili, "Diritti Ora", che si terrà a Roma in Piazza Farnese sabato 10 marzo. Chiediamo a chi crede che tutte le donne e gli uomini nascono liberi ed uguali in dignità e diritti di partecipare con noi a quella iniziativa per una legge sulle unioni civili che riconosca pienamente il valore sociale dell’amore, anche quello di lesbiche e gay".

Ecco alcuni dei punti critici della proposta del governo secondo Arcigay:

  • Le coppie con un partner extracomunitario, in forte aumento nel nostro paese, sono fortemente penalizzate: se quelle eterosessuali possono sanare col matrimonio situazioni spesso difficilissime, per quelle lesbiche e gay se il partner è irregolare, l’unico destino sarà la separazione.
  • La successione nel contratto d’affitto dopo tre anni è in palese contrasto con la sentenza della corte Costituzionale del 1988 che ha sancito che il partner more uxorio può subentrare immediatamente nel contratto.
  • I tempi previsti per i trattamenti previdenziali e per i diritti successori sono enormi se commisurati alla reale durata dei matrimoni nei nostri paesi.

Impedire che si possa dichiarare una convivenza on l’amministratore di sostegno significa chiudere gli occhi di fronte alla realtà, dato che spesso l’amministratore di sostegno è proprio il coniuge o il convivente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl