quesiti specializzandi rivolti al Ministro della salute

10/feb/2007 23.20.00 SIMS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Ministero dell’Università e dellaRicerca
Direzione Generale per l’Università - Ufficio II
 
Ai   sensi  dell’art. 6  della  legge  30/12/1991,  n. 412,  la
trasmissione della presente nota via fax ha valore legale;
non si provvederà, pertanto, ad  inviare copia  per  posta
                                                                                                                        Roma, 7/2/2007
prot. 356
 
 
 
                                                                                              Al Dott. Walter Mazzucco
                                                                                              Presidente Nazionale S.I.M.S.
                                                                                              P A L E R M O
 
 
OGGETTO: quesiti
 
 
            Si fa riferimento alla nota del 14 gennaio u.s., pervenuta via fax l’1/2/2007, con la quale si pongono una serie di quesiti   sull’entrata in vigore del D.Lgs. n. 368/1999.
            Sull’espletamento del tirocinio pratico, previsto dall’ordinamento della scuola di specializzazione, il medico in formazione specialistica  deve svolgere un numero di ore pari  a quello svolto da un medico del S.S.N. a tempo pieno per attività di servizio.   Inoltre  le attività pratiche svolte dai medici in formazione specialistica  devono essere eseguite sempre sotto la guida di un tutore, come peraltro prevede il   D.M. 5/5/1995 e, altresì, l’ art. 40, D.Lgs. n. 368/1999: infatti tali attività non sono assimilabili all’attività professionale autonoma  del medico dipendente dall’azienza sanitaria ove si opera.
            Il D. Lgs. n. 368/1999 è entrato in vigore a decorrere dall’a.a. 2006/2007, quindi la normativa ivi contenuta deve essere applicata  nel citato riferimento temporale.
            Il contratto di formazione specialistica  non è altro che un contenitore formale  di tutte le normativa esplicitata nel D.Lgs. n. 368/1999.
            Le assenze superiori  a 40 giorni devono essere totalmente recuperate: la normativa non fa alcuna distinzione fra tirocinio ed attività pratica.
            Lo svolgimento delle attività pratiche relative alla  formazione specialistica dei medici in strutture di Paesi stranieri, ovviamente, deve essere coerente con la specializzazione svolta ed è stabilita sia nella scelta che nella durata dal  consiglio della scuola.  E’ ovvio che la formazione specialistica di una scuola di specializzazione deve  svolgersi in gran parte presso le strutture della scuola medesima.
            L’opportunità di prevedere il finanziamento da parte di Enti pubblici o privati di contratti aggiuntivi è una competenza del Ministero della Salute.
 
 
                                                                                               Il Direttore Generale
                                                                Firmato:               Dott. Antonello Masia


Cordiali saluti
Dott. Trapani Martino

La tua mail nel 2010? Creane una che ti segua per la vita con la Nuova Yahoo! Mail
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl